LEGGE ELETTORALE: PRODI A UNIONE, IO SONO IL GARANTE

0

ROMA –  ”Non vi sono elementi di preoccupazione, perche’ io sono garante di tutta la coalizione”. Cosi’ il presidente del Consiglio Romano Prodi ha risposto ai giornalisti a Bologna che lo hanno interpellato sulle preoccupazioni dei piccoli partiti dell’Unione a proposito della proposta di legge elettorale che si sta discutendo nel Partito Democratico. Quindi questi elementi di preoccupazione non ci sono neanche per il governo?, hanno chiesto ancora i cronisti. ”Io non ne ho mai avuti”, ha risposto Prodi.


PDL: BERLUSCONI, NO ANNESSIONI MA ELETTORI CI VOGLIONO UNITI

 

ROMA – ”Non c’e’ nessuna annessione. Tutti partono dallo stesso livello. Ma gli elettori chiedono l’unita’ dei moderati e dei liberali, di tutti quelli che non si riconoscono nel centrosinistra. I nostri elettori ci vogliono uniti”: lo dice Silvio Berlusconi nel corso di un collegamento con Studio Aperto, rivolgendosi agli alleati e in particolare al leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini. ”Abbiano coraggio di abbandonare la vecchia politica – prosegue il Cavaliere, rivolgendosi sempre agli alleati – i veti e ricatti e tutti gli altri riti, e si rimettano in gioco, anche per la leadership, buttando alle ortiche la politica politicante”.


CASINI:  NON CI FACCIAMO INTIMIDIRE O ANNETTERE
 
PALERMO – ”Non ci facciamo intimidire o annettere da nessuno. Siamo disponibili a parlare, a ragionare, ma non a essere subalterni. Facciamo politica per passione non per difendere i nostri interessi”. Lo ha detto il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini intervenendo a una convention del suo partito a Palermo.



”Fini e’ un amico, un alleato e un leader politico intelligente che simboleggia una destra democratica e moderna”, ha aggiunto il leader centrista, a giudizio del quale ‘bisogna evocare un governo di transizione per calamitare i dissensi nel governo Prodi e non trincerarsi nella strategia delle ‘spallate”’

 


 


WWW.ANSA.IT


                                    MICHELE DE LUCIA