Salerno esce dal carcere il colpevole dell´assassinio di Positano

0

Roberto Vacca, l’uomo che ha confessato di aver ucciso il figliastro Mattias Romano sarà trasferito dal carcere di Fuorni in un reparto ospedaliero di cura e assistenza psichiatrica. L’autorizzazione – che non sospende nè revoca il provvedimento di detenzione intramuraria ed ha una vigenza temporanea – è stata data dalla magistratura all’esito degli esami peritali che hanno diagnosticato lo stato depressivo che ha colpito Vacca. Una condizione patologica che per essere curata richiede ambienti diversi da quello carcerario. Il provvedimento non è stato ancora materialmente eseguito. Il reparto psichiatrico dell’ospedale Ruggi d’Aragona non ha al momento disponibilità di posti-letto per il ricovero. Si sta verificando la disponibilità di una struttura sanitaria nel Napoletano. L’omicidio di Mattias Romano, diciassette anni, destò scalpore e raccapriccio per le modalità con le quali fu eseguito. Nel febbraio scorso, il cadavere del giovane, orrendamente sfigurato per i colpi di mazzola con il quale fu massacrato, fu trovato dai carabinieri su una piazzola della statale 163 nei pressi di POSITANO. Il caso diventò ben presto un giallo approdato, per iniziativa degli stessi familiari, alla trasmissione di Raitre «Chi l’ha visto?» che permise la indentificazione della vittima. Il giallo si risolse quando, messo alle strette anche dai troppi indizi che chiamavano in ballo le sue responsabilità, Vacca confessò il delitto.