Venezia. Mario Bottinelli Montandon.

0

Mario Bottinelli Montandon


 


Opera Scultura Abitabile CASACIELO DI PASSAGGIO


Mostra CASACIELO 2002 – 2008


Spazio Thetis Arsenale Novissimo – Venezia. 25 Gennaio 2008 ore 16.00


a cura di Lucrezia De Domizio Durini e Antonietta Grandesso


 


Dal 25 gennaio fino al 28 febbraio 2008, lo Spazio Thetis di Venezia ospita la mostra personale CASACIELO 2002-2008 dell’artista Mario Bottinelli Montandon.


Nato nel 1966 e attivo a Como, Bottinelli Montandon espone regolarmente da più di quindici anni, in Italia e all’estero. La sua ricerca non è assimilabile ad alcuna tendenza espressa dalle ultime generazioni artistiche, ma rivela una singolare attitudine in cui non è il linguaggio a prevalere, bensì la tensione etica che lo ispira.
Fin dagli esordi nei primi anni ’90, Bottinelli ha infatti sempre coltivato la sua vocazione artistica come via di accesso a verità profonde. Non è mai il risultato estetico a motivare le sue scelte espressive, quanto la possibilità di raggiungere attraverso il fare creativo uno stadio di comprensione più intima. La comunicazione è quindi il valore fondante del lavoro artistico di Bottinelli Montandon, in un’accezione non auto-promozionale ma di relazione. Comunicare nel senso di condividere con le persone il comune patrimonio di sensibilità e riflessione: da tale esigenza nasce l’operazione Casacielo.


Si richiama a questa chiave interpretativa l’inedita lettura critica di Pierre Restany che accompagna la mostra. Testimone all’inaugurazione della prima Casacielo nel 2002 a Bolognano – piccolo paese dell’entroterra abruzzese –, il grande studioso francese scomparso nel 2003 ha infatti messo in luce la concentrazione morale e l’attenzione che pervadono la scultura abitabile di Mario Bottinelli Montandon e in generale tutte le sue creazioni.


La mostra CASACIELO 2002-2008, curata da Lucrezia De Domizio Durini – da sempre a fianco dell’artista comasco – e da Antonietta Grandesso che è responsabile culturale di Thetis, intende presentare al pubblico internazionale l’opera Casacielo nel suo ruolo di progetto-guida all’interno della ricerca di Bottinelli. Casacielo è infatti un concept che l’artista ha più volte rielaborato nel corso della sua attività: con il Lavatoio (1993-1999) e l’opera ambientale Sitio (2005), entrambe a Bolognano, quindi in terra di Laconia, a Sparta, con The
Watchman’s House – Ouraniospiti (2007) e infine a Venezia – proprio in occasione della mostra Casacielo 2002-2008 – con la trasformazione della guardiola d’ingresso dello Spazio Thetis in un’opera permanente intitolata Casacielo di Passaggio. Tutti questi lavori sono documentati nella mostra.


Dominati dall’impiego del colore, i vari modelli Casacielo attraggono lo spettatore che è avvinto da “vertigine azzurra” – come scrive la De Domizio nel suo testo per la mostra – e “riesce a percepire l’energia che anima il paesaggio di luce celestiale, quasi un messaggio divino rivolto all’uomo”.


CASACIELO DI PASSAGGIO, Opera Stabile studiata da Mario Bottinelli Montandon per Thetis, è una conferma dell’impegno aziendale ma soprattutto della vision del suo Amministratore Delegato, l’Ingegnere Antonio Paruzzolo, che ha voluto espressamente questo intervento e la mostra a corredo per ricordare al mondo della cultura internazionale quanto sia necessaria la solidale collaborazione fra le personalità poste a dirigere luoghi destinati al lavoro e l’arte quale bene fruttifero della società.


 


 


Info:


 


Ingresso libero su appuntamento (tel. 041-2406111) da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 18.00, linea 41- 42 fermata Bacini


Per ulteriori informazioni: www.thetis.it


 

Lascia una risposta