CADAVERE DI UN NEONATO GETTATO IN UN CANALE

0

NAPOLI – Il cadavere di un neonato è stato ritrovato in via Polimeno a Camposano, nel Napoletano, dopo una telefonata anonima a due «voci», quelle di un ragazzo e di una ragazza. Il neonato – secondo la ricostruzione dei carabinieri della compagnia di Nola intervenuti sul posto – è stato probabilmente lanciato da un ponticello, da un’altezza di quattro-cinque metri, ed è finito nel piccolo corso d’acqua che attraversa la campagna. MEDICO LEGALE – Il cordone ombelicale è stato tagliato: questa la constatazione del medico legale che ha ipotizzato inoltre che la morte risalga al massimo a 24 ore prima del rinvenimento. Solo l’autopsia, che è stata disposta dalla procura di Nola, potrà stabilire se il neonato sia stato gettato nel «lagno» quando era ancora in vita. I carabinieri stanno concentrando le indagini nei comuni vicini alla zona del ritrovamento. INDAGINI – Il cadavere apparterrebbe a un bimbo di pelle bianca e di sesso maschile (ma essendo rannicchiato su un lato, il sesso non è stato ancora verificato). Il cadavere è ancora lì, in via Polimeno. NEL LAGNO – Il neonato, rinvenuto in un «lagno», uno dei tanti fiumiciattoli della zona, era a circa mezzo metro di profondità. Non si esclude che il decesso sia avvenuto nei giorni scorsi e che il cadavere sia stato abbandonato in un posto diverso e poi trascinato dalla corrente fino alla zona di Camposano. 21 novembre 2007 Corriere del Mezzogiorno