POSITANO CENTO PROGETTI PER IL FUTURO

0

Giovedì 15 novembre l’amministrazione comunale di Positano ha presentato tutti i progetti in cantiere per il paese all’auditorium della Scuola Media. Il sindaco Domenico Marrone ha illustrato i lavori. Riportiamo per informazione quanto abbiamo trascritto al momento tenendo conto che il testo, per esigenze di tempo e mancanza di personale, non è stato rivisto ne corretto, se qualcuno volesse farlo gliene saremo grati. Ci scusiamo dunque per gli inevitabili errori sia con i lettori sia con l’interessato. Aspettare oltre per pubblicare l’incontro non avrebbe avuto senso tenendo conto la tipologia del nostro portale volto all’attualità. Spero che i lettori apprezzino il nostro sforzo per tenerli informati e ci perdonino, stiamo affrontando un lavoro che, in genere, porta avanti un’intera redazione, mentre siamo in pochi a lavorare costantemente oltre ai tanti contributi volontari che ringraziamo. Stiamo crescendo in maniera inusitata e inaspettata e per questo saremo felici di nuove collaborazioni.


Michele Cinque


 


 Nell’aula sono esposti i grafici di tutti i progetti, la sala gremita, circa 150 persone, il sindaco Domenico Marrone illustra i progetti in base ai diversi criteri che li ispirano: Il primo criterio sono le carenze infrastrutturali abbiamo attivato in questo settore lavori sulla casa comunale. In questo progetto che è in fase di completamento già finanziato dovrebbe essere allocato nell’edificio al primo piano tutto il polo sanitario, quindi si sposterebbero tutti i servizi sanitario (Croce Rossa e altri) dalla scuola al plesso comunale. C’è un progetto di recupero del museo del viaggio come centro polifunzionale, c’è il progetto di Montepertuso. C’è il ripristino del molo di Positano che dovrebbe essere terminato entro la primavera. C’è il lavoro di riqualificazione dell’area del canneto, ma dobbiamo prima trovare lo spazio dove sistemare tutti gli attrezzi. C’è il progetto per il cimitero, a breve costruiremo cento loculi nuovi, perché il cimitero è in emergenza. C’è il progetto dell’isola ecologica. Il secondo criterio è la mobilità. Il paese vive in grosse difficoltà per quanto riguarda la mobilità, come molta parte della Costiera Amalfitana. Abbiamo cominciato un dialogo con la Regione Campania che per il rapporto di reciprocità sono stanziati molti fondi, abbiamo proposto alla Regione Campania anche due parcheggi esterni alla città con un by pass che attraverserebbe anche il centro urbano. Queste opere sono al di là da venire perché sono in variante al Piano Urbanistico Territoriale però c’è con la Regione Campania l’accordo che per tutti questi progetti sarà possibile una variante perché il vecchio piano prevedeva una dorsale a mezza quota che secondo tutti sarebbe un’opera impattante. Abbiamo individuato quattro-cinque parcheggi da realizzare lungo la statale da presentare sia per gli accordi di reciprocità sia per il nuovo piano parcheggi. Terzo criterio gli itinerari montani. C’è una continua crescita sui progetti di escursione. Per esempio abbiamo recuperato il vecchio edificio della scuola elementare di Nocelle che diventerà un infopoint, abbiamo già ultimato i lavori della vecchia strada Arienzo-Nocelle e il vecchio sentiero Montepertuso-Nocelle. Abbiamo individuato progetti per la sicurezza, c’è il progetto del Commissariato per la messa in sicurezza e la prevenzione frane per tutto il costone di Liparlati che copre l’area che va dal cimitero alla zona Le Camere. Abbiamo ultimato i lavori di messa in sicurezza del costone Corvo, del costone San Pietro, ed è in fase di sistemazione il lavoro Vallone Porto per il quale stiamo discutendo in questi giorni con le associazioni ambientaliste. Lavori urbani. Ci sono i lavori per piazza dei Mulini che cominceranno a breve per diminuire i disagi a tutta la popolazione. La sistemazione degli arenili sono iniziati questa settimana che prevedono la riqualificazione della spiaggia Grande e di Fornillo, poi via Lepanto. Stiamo per appaltare i lavori della fogna a Via Marconi anche perché a Via San Sebastiano saltano i tombini ogni volta che ci sono delle piagge, dunque sdoppieremo la condotta fognaria per portarla a via Cristoforo Colombo evitando tutti questi problemi a Via San Sebastiano. Stiamo completando i lavori di deodorizzazione al depuratore. I problemi del nostro impianto li conosciamo tutti, in questi giorni abbiamo gettato il solaio sulla parte che sovrasta le vasche e quindi tutto l’impianto verrà sigillato risolvendo il problema dei cattivi odori. Abbiamo già trovato appaltato il progetto per incassare tutti i cassonetti dei rifiuti. Stiamo per appaltare l’impianto di illuminazione da Arienzo a Laurito. Stiamo appaltando i lavori della piazza di Nocelle. Sono in corso i lavori che verranno sistemati entro dicembre. C’è un progetto per sistemare la parte sottostante di piazza Cappello. Un altro criterio è quello legato alla scuola. Noi abbiamo appaltato 750.000 euro per l’ampliamento della scuola. L’idea è quella di fare un unico plesso per evitare ai bambini di fare tutte quelle scale per la scuola elementare e questa possa essere utilizzata come centro civico, quindi nuovi spazi per fare attività che ora non sono possibili. C’è un ulteriore investimento di 800.000 euro per una futura copertura dell’ impianto di depurazione che ha un impatto visivo. Accordi pubblico-privati. A Fornillo dove la proprietà Caldiero completerà i lavori che cederà al Comune. Nel centro vi sara biblioteca e parcheggi e sarà costruito un ascensore per la scuola media. Da questo progetto nasceranno 66 posti auto e i cittadini potranno acquistare posti auto e riqualificare un’area degradata di Positano e il Comune non investirà una lira acquisendo degli spazi e dei servizi pubblici. Per concludere volevo accennare all’aspetto urbanistico. Abbiamo dato via a tre Pue dalla spiaggia Grande a Fornillo, siamo l’unico comune della Costiera Amalfitana che sta portando avanti i piani esecutivi. Con l’approvazione dei piani esecutivi daremo ai cittadini la possibilità di riqualificare il paese e stiamo affrontando il problema del nuovo regolamento edilizio. La cosa più importante è il progetto dell’auditorium che ha ricevuto tutti i pareri in conferenza dei servizi ed entro il 7 potrebbe essere finanziato dalla Regione Campania con 13 milioni di euro e ci potrebbe permettere di destagionalizzare il turismo e di creare grande eventi che non potremmo fare altrimenti come Cartoons on the bay. Questo progetto per noi è un progetto di grande priorità. Per la cripta abbiamo presentato un progetto di quattro milioni di euro per il completamento della Cripta che se finanziato dalla Regione potrà mettere a disposizione dei cittadini un’area di rilevante interesse storico e archeologico come i resti della Villa Romana. Antonio Minniti “Mi sarei aspettato già da prima un maggior coinvolgimento, ma vedo che avete lavorato bene, ci sono molti progetti e mi fa molto piacere questa espressione di grande volontà e vedo che c’è molto lavoro sia da parte dei progettisti che da parte vostra, voglio pungolarvi. Questi sono i grandi temi, poi ci sono i temi spiccioli che sono quelli del degrado quotidiano. Allora vi chiederei oltre a questi grandi impegni se si potesse vedere anche la piccola manutenzione urbana, vi sono molte stradine frequentate anche da turisti c’è l’incuria che questo paese non si merita perché questo paese potrebbe diventare un gioiello e lo sappiamo tutti. Questo me lo auguro e ci sono elementi positivi, vedo di nuovo in carreggiata l’auditorium e questo mi fa piacere. Ma non solo per cartoons on the bay questo paese famoso in tutto il mondo puo fare di meglio, vedo un calo culturale e c’è una fuga, mancano iniziative, ma vi faccio i mei auguri.” “Condivido perfettamente l’osservazione per quanto riguarda i tanti piccoli interventi – dice Domenico Marrone -, che bisognerebbe fare, noi abbiamo appaltato un servizio esterno ad una ditta di manutenzione per la quale abbiamo speso 85.000 euro solo per lavori di piccola manutenzione. Molte di queste risorse vanno agli impianti fognari fatiscenti. La nostra speranza è che ci sia il sistema-paese se il cittadino vede la cura di un muro, lui stesso nel privato fa lo stesso.” “La cittadinanza di Positano è strana da una parte c’è il disprezzo della qualità, altre invece curano la casa nei minimi particolari. Un operaio vicino casa mia dipinge la casa anche da fuori con le sue mani. Lo sottolineo perché al sud c’è l’abitudine che la casa comincia da dentro la porta e non da fuori, e Napoli è l’epifania di questo fenomeno.”