1° Meeting Nazionale Cristiano Riformisti

0

Roma, 17/11/2007


Antonio Mazzocchi, presidente dei Cristiano Riformisti e Responsabile PMI di Alleanza Nazionale, ha dato il via al primo congresso nazionale dei Cristiano Riformisti, con la presenza di grandi personalità del centro-destra quali Gianfranco Fini (presidente AN) , Lorenzo Cesa (segretario UDC) e Sandro Bondi di Forza Italia. Mazzocchi ha discusso dall’ Economia alla Famiglia, con politiche propense allo sviluppo di nuove piccole aziende italiane, che come dichiarato dallo stesso, rappresentano il 75% del prodotto interno lordo. Poi i giovani, “le vittime delle università”, valutati per il loro stato sociale ed infine le politiche sociali “mutilate” dalla finanzaria definito da Mazzocchi “un libro dei sogni”. Questi sono stati i punti salienti del discorso che introduce l’avvio di questo congresso.


A seguito della disussione su “Fede e Politica” moderato dal vicedirettore del TG5 Andrea Pamparana, sono intervenuti i già citati Fini, Cesa e Bondi. L’ intervento di Fini ha particolarizzato alcuni aspetti riguardanti la politica futura che dovrà intrapendere la CDL, nel caso in cui il governo Prodi ceda. Dalle parole del leader di An si comprende la necessità di scegliere se far cadere Prodi o la legislatura proponendo l’ esempio della politica inglese in termini di Leadership e Followship, in quanto i politici britannici tengono fede al loro programma politico.