Bruxelles – Alfonso Andria: ´´Favorire le migliori pratiche tra le citt¨¤ d´Europ´´

0

 Alfonso Andria (L¡¯Ulivo/Gruppo ADLE)


 


Mercoled¨¬ 7 novembre, nella sede del Parlamento Europeo a Bruxelles, ha avuto luogo l’evento di chiusura del network “HOUS-ES” sulla gestione e ristrutturazione del patrimonio immobiliare, costituitosi all’interno del programma URBACT finanziato dalla Commissione Europea per lo scambio di buone pratiche nell’amministrazione delle comunit¨¤ locali. Si tratta di una rete di citt¨¤ europee, tra cui figurano anche Praga, Varsavia, Lione e Budapest, e partners istituzionali come il Consiglio degli Architetti Europei, il Politecnico di Milano, la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ed il Cecodhas.


 


La Conferenza ¨¨ stato presieduta e introdotta da Alfonso Andria (L¡¯Ulivo/Gruppo ADLE)  che ha svolto la sua relazione dopo il contributo ai lavori d¡¯apertura del Commissario Europeo allo Sviluppo Regionale Danuta H¨¹bner, nella sessione d’apertura dell’incontro.


 


Tra gli altri interventori, esperti di politiche urbane, nonch¨¦ i Sindaci di Duisburg, Brno, Zutphen e Brindisi, il Vice Sindaco di Pozna¨½ e il deputato polacco, Jan Olbrycht.


 


Quale relatore Andria, ribadendo i contenuti del suo Rapporto su ¡°Alloggi e politica regionale¡± approvato nel maggio scorso dal Parlamento Europeo, ¨¨ intervenuto sulla necessit¨¤ di rafforzare ed estendere gli aiuti destinati alla ristrutturazione degli immobili a tutto il territorio dell¡¯Unione e sull¡¯importanza di un approccio integrato ai problemi abitativi.


 


¡°Lo scambio di ‘buone prassi’, di cui la rete “HOUS-ES” ¨¨ un virtuoso esempio – ha detto poi Andria nelle conclusioni della Conferenza ¨¨ fondamentale per uno sviluppo armonioso ed equilibrato dei territori amministrati, perch¨¨, sebbene le condizioni ambientali ed i contesti storici e culturali possano differire, i problemi sono gli stessi in tutt’Europa: da quello della sicurezza, al degrado, alla carenza di servizi nelle periferie, all’integrazione sociale¡±.

Lascia una risposta