LO UCCIDONO PASSANDOGLI SOPRA CON L´AUTO

0

DIPIGNANO (COSENZA) – Il cadavere di un uomo è stato trovato dai carabinieri in una zona periferica di Dipignano, centro del Cosentino. Si tratta di un ingegnere civile di 33 anni di Crotone, Antonio Saracino. L’uomo è stato prima percosso e poi colpito ripetutamente e violentemente al volto con lo sportello dell’auto Peugeot. L’assassino, quindi, è passato sopra al corpo con la vettura. E’ il movente sessuale quello che i carabinieri stanno valutando con più attenzione.

Secondo quanto è emerso dalle indagini, Saracino avrebbe avuto un incontro con una o più persone insieme alle quali si é recato nella zona dove è stato ucciso. Si tratta di un luogo, stando a quanto riferito dai carabinieri, dove si svolgono incontri a scopo sessuale. La violenza con la quale è stato compiuto il delitto induce gli inquirenti a ritenere che ad uccidere Saracino sia stato uno o più uomini. La colluttazione tra Saracino ed il suo assassino potrebbe essere cominciata in auto nel corso dell’incontro e sarebbe poi proseguita fuori dall’abitacolo. Questo spiegherebbe il ritrovamento sull’asfalto di alcuni oggetti personali della vittima, caduti presumibilmente durante la colluttazione. Saracino, prima di essere travolto con la sua stessa auto, sotto la quale è rimasto incastrato il corpo, è stato colpito violentemente alle testa, probabilmente con una pietra che però non è stata trovata.








ASSOCIATE
Schiava del sesso, liberata un’albanese








MONTEZEMOLO, IL PAESE NON E’ GOVERNATO

CASERTA – “Questo governo non è in grado neanche di tagliare le cravatte di due centimetri. Non è in grado di tagliare nulla. Non c’é coesione. Ma abbiamo bisogno che il governo governi, che prenda delle decisioni, qualsiasi esse siano”. E’ l’allarme lanciato dal presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, secondo il quale il Paese “non è governato. Da 12 anni è impossibile prendere decisioni di fondo”.

Con il governatore Draghi c’é “una grande sintonia di cultura di fondo. E’ un fatto molto importante: cultura del cambiamento, del merito, della flessibilità e della modernizzazione”. Così il presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo commenta i moniti lanciati ieri dal Governatore di Bankitalia a margine del Forum della piccola industria di Caserta. “Vi ricordate: ho detto che bisogna restituire le tasse a chi le paga. Abbiamo detto anche che chi lavora nelle fabbriche ha lo stesso merito” degli imprenditori, ha continuato il leader degli industriali. “E poi quella battaglia del cuneo fiscale era anche in funzione dei lavoratori – ha aggiunto – mi fa piacere questa tendenza comune”.


                   WWW.ANSA.IT


                                      MICHELE DE LUCIA