Vico Equense, assemblea con il sindaco. Carenze di organico: rischio paralisi

0

Vico Equense, assemblea con il sindaco. Carenze di organico: rischio paralisi

UMBERTO CELENTANO Vico Equense. Assemblea dei medici del De Luca e Rossano con l sindaco Gennaro Cinque per far il punto sull’attuazione delle intese sul rilancio dell’ospedale. Accordi raggiunti un mese fa con Gennaro D’Auria, direttore generale dell’Asl 5: ma si tratta di un programma che è rimasto per lo più sulla carta, tranne che per l’arrivo di una sedia gestatoria per la sala parto e di un paio di infermieri, una piccola inversione di tendenza subito però compensata dalla partenza di altre unità. In pratica, è di nuovo piena emergenza in tutti i reparti, e la piccola boccata d’ossigeno registrata nel reparto di ostetricia e ginecologia, ripassata nelle ultime settimane a poco più di venti posti letto, rischia di essere vanificata nelle prossime ore. Una situazione drammatica denunciata al primo cittadino dai primari di ginecologia, pediatria, medicina, e da sanitari di altri reparti. Dall’analisi della situazione è emersa la comune volontà del personale sanitario di battersi per la salvaguardia del «De Luca e Rossano». Partirà presto una mobilitazione attraverso un’azione di sensibilizzazione e denuncia delle carenze che minano gravemente la funzionalità di uno dei fiori all’occhiello della sanità regionale, dove ad esempio nella ginecologia-ostetricia lo scorso anno sono nati circa 1300 bambini con un’utenza proveniente da tutta la penisola sorrentina, da Positano e da vari centri dei monti Lattari. Al di là di nuove attrezzature, come un nuovo impianto di radiologia che risulta già da tempo acquistato dall’Asl ed un mammografo, l’emergenza riguarda soprattutto l’insufficienza di personale sia infermieristico che medico. «Siamo alla farsa, con pochi infermieri che arrivano per alcuni giorni a colmare nuovi vuoti – afferma l’anestesista Matilde De Falco – senza parlare della carenza di medici nel mio settore e in quello del 118 per far fronte al pronto soccorso, servizio fondamentale che è assicurato dai medici delle varie divisioni di turno in ospedale». Il personale sanitario ha accumulato quasi tutte le ferie dello scorso anno e del 2007: «Si va avanti con lo spirito di sacrificio di tutti – hanno affermato molti presenti – ma non può durare». Intanto, anche gli infermieri si mobilitano. Lunedì 29 alle 9.45 nella sala consiliare di piazza Mercato i precari incontrano stampa e cittadini. Molti di loro sono da quasi un anno disoccupati, dopo che per lungo tempo hanno garantito la funzionalità degli ospedali dell’Asl Na5. Dalla assemblea dei medici, oltre alla proclamazione dello stato di agitazione, è scaturito l’impegno del sindaco Gennaro Cinque a incontrare di nuovo a inizio novembre il manager dell’Asl Na 5: «Chiederò il rispetto delle intese pregresse – afferma il primo cittadino – perché ho constatato l’insostenibilità della situazione. Coinvolgerò anche il sindaco di Sorrento in una comune battaglia per la salvaguardia degli elevati standard di assistenza sanitaria che da sempre contraddistinguono la costiera. L’amministrazione comunale è pronta a scendere in campo a difesa di un bene primario come il De Luca e Rossano».