Positano in controtendenza. L´effetto serra? Tutte sciocchezze

0

Il nobel a Gore? “Televendite” L’effetto Serra? “Tutte sciocchezze, si tratta di un fenomeno ciclico” a parlare sono due grandi eminenze grigie del mondo universitario il professor Franco Ortolani e Adriano Mazzarella al convegno europeo  “POSIT.IVE Changes”orgnanizzato dal Comune di Positano. A scagliarsi contro la moda dell’allarme sull’effetto Serra Adriano Mazzarella scienziato campano autore di oltre cento pubblicazioni nel campo della fisica atmosferica ma più conosciuto all’estero che in Italia, Mazzarella denuncia una sorta di ‘improvvisazione’. “Perfino alcuni fisici delle particelle di cui non mi è mai capitato di leggere un solo articolo su questioni climatiche, si mettono a parlare di clima. O altri studiosi, magari specializzati in un tema specifico come, che so, i rapporti fra clima e agricoltura, parlano con grande eco mediatica del clima in generale” “Prima di tutto – spiega il professore – bisognerebbe stabilire qual è la questione climatica. Perché, mi creda, non è tutto così scontato. C’è il surriscaldamento globale di fondo, e siamo d’accordo. Ma quale sia la causa, be’ c’è molto da discutere”. Con quest’ultima osservazione, lo studioso lancia la sua provocazione, che è in realtà il risultato delle sue ricerche nonché la teoria che sta portando avanti da ormai quasi vent’anni: il global warming non è colpa dell’uomo. O meglio, la colpa dell’uomo è molto minore di quanto si dica in giro. “Vede – prosegue – non sono idee campate in aria, le mie. La scuola russa, rappresentata ad esempio da Nikolay Sidorenkov, da anni sostiene l’influenza del Sole sul moto della Terra, e le sue conseguenze sul clima globale. Addirittura, i russi hanno lanciato una scommessa su Nature: secondo loro la temperatura del nostro pianeta si abbasserà entro i prossimi cinque anni. Anch’io ho puntato sul raffreddamento del pianeta. Perché, checché se ne dica, l’uomo incide per il 20-30 per cento su questo fenomeno di riscaldamento. E’ il vento solare, l’attore veramente importante. Ed è lo studio del Sole a farmi fare questo tipo di pronostico”.  Ma professore e come spiega il nobel a Gore? “Ha fatto giusto in tempo a prenderlo, già dall’anno prossimo la temperatura scenderà, ma non ha alcuna valenza scientifica, lo sa che in Inghilterra non è stato accettato come libro di testo? Escluso dalla Suprema Corte.”
La teoria di cui Mazzarella si fa sostenitore parte da molto lontano. Dall’osservazione della ciclicità nell’intensità del vento solare, quella corrente di particelle elettricamente cariche emessa dall’atmosfera solare che investe il nostro pianeta. “Potrebbe sembrare poco collegata al nostro clima – precisa lo studioso – ma non lo è. Il fatto che io parta proprio dal Sole sottolinea anche l’approccio olistico delle mie riflessioni. La scienza non deve essere riduzionista, limitarsi solo allo studio approfondito di un solo fenomeno. Deve avere una visione integrale, complessiva, che metta insieme tanti campi, anche quello dell’astrofisica”. Il Sole, dunque, ogni 60 anni vede un massimo dell’attività corpuscolare, cioè l’intensità del vento solare tocca un massimo valore ogni 60 anni e poi oscilla come un’onda, toccando un minimo dopo trent’anni e di nuovo un massimo dopo ancora trent’anni. Ci sono anche altri fenomeni che mostrano questa ciclicità di 60 anni. Il tempo di rotazione terrestre, ossia la durata del giorno che non è sempre costantemente uguale a 24 ore ma varia e tocca una massima durata ogni 60 anni, e la circolazione atmosferica. “E non è un caso. Ho confrontato il ciclo del vento solare con gli altri due fenomeni, e li ho trovati correlati. Le particelle cariche del Sole penetrano fino al nucleo terrestre che, essendo magnetico, ne è influenzato. Il nucleo, bombardato dalle particelle, cambia velocità di rotazione, e questo cambiamento si trasmette al resto della Terra, quindi facendo cambiare la lunghezza del giorno. Il cambiamento della rotazione terrestre induce un cambiamento della circolazione delle masse d’aria, che, in accordo al principio di conservaione del momento angolare, passano sempre con una ciclicità di 60 anni, da un movimento da Ovest a Est a uno in ‘verticale’ cioè lungo la direzione Nord-Sud. Nel periodo in cui ci troviamo, si sta verificando proprio quest’ultima situazione, arriva dunque l’anticiclone africano da Sud e le temperature si alzano. Ma fra 5-6 anni il pianeta ricomincerà a raffreddarsi, ci sarà un’inversione di tendenza, e quindi quelli che gridano al surriscaldamento globale dovranno ricredersi. Tutte queste, comunque sono teorie che si reggono esclusivamente su fenomeni naturali”.Quella di Mazzarella è la storia di un confronto negato fra due teorie che, a sentire lo studioso, godono entrambe della stessa dignità scientifica. “Vede – conclude Mazzarella – quello che più dispiace è la mancanza di una corretta posizione nei confronti di una teoria diversa. Occorre recuperare quella correttezza, quella onestà intellettuale che uomini di scienza dovrebbero tenere. Bisogna confrontarsi con quelli che la pensano diversamente da te, non bandirli o emarginarli dal dialogo scientifico e presentarsi all’opinione pubblica come unici depositari della verità. La divulgazione scientifica è fondamentale, come progresso culturale della società, ma ancor più è importante non darla in mano a degli incompetenti che non siano mossi dalla pura volontà di spiegare alla gente le cose di scienza, e che bollano i colleghi dissidenti come schiavi di un certo politico o di una certa categoria di interessi. Certamente non è quello il modo migliore di dimostrare la bontà dei propri argomenti. Io mi fondo su modelli, su dati, su parametri fisici e non faccio segreto delle mie posizioni e previsioni. Scrivo sui giornali, ho anche una rubrica quotidiana su Repubblica Napoli. Ho messo sul tavolo le mie idee. Ora, se gli scienziati ‘serristi’, cioè che attribuiscono tutto ai gas serra immessi dall’uomo nell’atmosfera, vogliono farsi avanti, sono pronto al confronto. Stiamo attraversando una fase culturale di intenso antropocentrismo. Ma dobbiamo capire che l’uomo conta veramente poco.” Al Convegno non solo problemi climatici, che hanno spiazzato tutti, il sindaco Domenico Marrone ha chiesto? Ma allora il sole fa o non fa male? “Questo è vero in parte, ma pensate a cosa portano le lampade, raddoppiano il rischio di tumore ed altrove sono vietate.” Mentre di altro tenore l’intervento di Ortolani rispetto al rischio dell’erosione marina “Il rischio esiste eccome – dice Ortolani -, mentre è stata esclusa da alcuni interventi giornalistici, basta guardare la spiaggia di Fornillo a Positano dove farò da relatore ad una tesi di laurea che sta seguendo anche Concetta Buonocore, una geologa del posto. Se si pensa a come sia importante per il turismo la spiaggia in questi paesi, si vede che bisogna intervenire in qualche modo.”


Convegno europeo “POSIT.IVE Changes” PROGRAMMA

1a parte: Venerdì 26 Ottobre 2007


Sede: Sala Congressi Hotel Covo dei Saraceni


Apertura lavori

10:00 Registrazione partecipanti
10:10 Saluti istituzionali:
-Domenico Marrone -Sindaco del Comune diPositano (Italia)
-Yiannis Poulopoulos – Vice Sindaco delComune di Amaroussion (Grecia)
-Miguel Angel de Carlos -Sindaco delComune di Mendavia (Spagna)
-Naftanaila Ion – Sindaco del Comune diAlbestii de Muscel (Romania
)


Sessione di Lavoro 1 – Cambiamenti Climatici e Risorse Idriche

11:30 Prof. Franco Ortolani -Direttore Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio, Università Federico II di Napoli – “Cambiamento climatico ed erosione delle spiagge”
12:00 Prof. Adriano Mazzarella – Direttore Osservatorio Meteorologico, Docente di Climatologia, Università di Napoli Federico II – “Global warming: verità e bugie”
Tema della Conferenza:

“Cambiamenti Climatici e Risorse Idriche: Trends su scala Regionale e Locale in Europa”. L’erosione delle coste

“Cambiamenti Climatici: Scarsità delle Risorse Idriche e comparsa della siccità”

Documentari e visual report mostreranno l’impatto dei cambiamenti climatici sull’ambiente naturale e sulle risorse idriche -Spazio alle domande del pubblico.
13:00-14:30 Pausa pranzo


Sessione di Lavoro 2 -Fonti di Energie rinnovabili. Capire l’energia con gli strumenti della scienza. Casi e progetti.


14.30 Presentazione di casi e progetti:
-Dott. Giorgios Dimopoulos – Dirigente dell’Ufficio Progettazione Europea, Comune di Amaroussion, Grecia -“ Gas Naturale e Sistemi Fotovoltaici a disposizione della Comunità: il caso del Comune di Amaroussion” –
-Dott. Angel Pascual, Dottore in Storia, Direttore di Pascual, Presa y Asociados, Socio del Gruppo Heliosolar, Mendavia, Spagna – “Mendavia come municipio energetico autosufficiente attraverso la promozione dell’energia fotovoltaica. L’utilizzo dei pannelli solari nella regione di Navarra”

-Dott. Gava Ionel -Esperto Comune di Albestii de Muscel, Romania -“Ricerca idrica in Romania e nel Sud-Est dell’Europa”

15:30 Prof. Domenico P. Coiro -Dipartimento Progettazione Aeronautica Università Federico II di Napoli

“Energia pulita con il mini eolico e con le correnti marine e fluviali: aspetti innovativi, economici e tecnologici”

16:00 Dott. Angelo Paladino – Assessore alle Politiche di Sostegno per l’Ambiente della Provincia di Salerno

16:30 Dott. Luigi Nocera -Assessore alle politiche Territoriali e Ambiente, Parchi e Riserve Naturali, Tutela Beni Paesistico-ambientali, Ciclo Integrato delle Acque e Difesa Suolo della Regione Campania -Spazio alle domande del pubblico.

17.30 Chiusura dei lavori della giornata



Convegno europeo “POSIT.IVE Changes”

2a parte: Sabato 27 Ottobre 2007


Sede: Sala Congressi Hotel Covo dei Saraceni

10:00 Registrazione dei partecipanti

Sessione di Lavoro 3 – Opportunità, progetti e fondi per l’energia e l’ambiente a supporto del territorio

Intervengono:
10:30 – On. Isaia Sales -Consigliere Economico del Presidente della Regione Campania
“La Programmazione Europea 2007-2013”
11:15 – Prof. Ferruccio Ferrigni -Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio, Università Federico II di Napoli e Responsabile del Piano Ambientale di Protezione della Costiera Amalfitana -Centro Europeo di Cultura di Ravello –
”Le peschiere della Costa d’Amalfi: segno del passato, elemento del paesaggio, risorsa futura?” 12:00 – Domenico Marrone – Sindaco del Comune di Positano
12.15 – Dott.ssa Katerina Kapetanaki -Direttrice del Dipartimento per la Gestione Ambientale, Comune di Amaroussion, Grecia –
“I Progetti Europei per la promozione delle politiche ambientali locali”
12.30 -Dott. Samuel Caro -Membro del Parlamento Autonomo e Portavoce della Commissione per la Salvaguardia del Territorio di Navarra -Spagna –
“Strategia di sviluppo locale sostenibile: il caso di Mendavia”
12.45 -Dott.ssa Bumbeneci Romica esperta Comune di Albestii de Muscel , Romania –
“Ricerca per l’utilizzo delle Biomasse in ambiente rurale in Romania”
13:00-14:30 pausa pranzo
14.30 Ripresa dei lavori

Sessione di Lavoro 4 – “Acqua Preziosa”

Tavola Rotonda sul tema dell’acqua quale risorsa strategica per il futuro:
-Dott. Donato Pica – Presidente Ente di Ambito Sele
-Dott. Achille Mughini -Presidente Ente di gestione Ausino S.p.a. Servizi Idrici Integrati
-Prof. Giorgio Vassena -Presidente UMANA DIMORA
-Dott.ssa Alfonsina De Felice -Presidente ente di ambito Sarnese-Vesuviano
-Arch. Anna Savarese – Presidente Parco Monti Lattari
-Dott. Michele Buonuomo – Presidente Legambiente Campania
-Dott.ssa Raffaella di Leo – Presidente Associazione Italia Nostra

-Dott. Alberto Gentile -WWF Salerno

16:00 Dott. Matteo Fornara -Rappresentanza in Italia della Commissione Europea

“L’Europa e la sfida del cambiamento climatico: ambiente, energia”

Inizio della Cerimonia di Gemellaggio, e “Firma del patto di Fratellanza”

Intervengono:
-Domenico Marrone – Sindaco del Comunedi Positano (Italia)
-Yiannis Poulopoulos – Sindaco del Comunedi Amaroussion (Grecia)
-Miguel Angel De Carlos -Sindaco delComune di Mendavia (Spagna)
-Naftanaila Ion – Sindaco del Comune diAlbestii de Muscel (Romania)

16.30 Premiazione Concorso “Acqua preziosa” alla presenza degli allievi delle scuole secondarie inferiori e superiori del territorio partecipanti al concorso.

17.00 Chiusura dei lavori della giornata



Convegno europeo “POSIT.IVE Changes”

3a parte: Domenica 28 Ottobre 2007

Sede: Sala Congressi Hotel Covo dei Saraceni

9:30 Registrazione dei partecipanti

10:00 apertura lavori della giornata -Intervento FORUM DEI GIOVANI e ASPRAMENTE di Positano – “100% Pubblica – Acqua come bene pubblico”

-Interventi a cura degli operatori locali di Positano

10.30 Interventi:

-Prof. Lucio Franzese – Professore di Teoria Generale del diritto presso l’Università di Trieste

”Il problema ambientale europeo tra sovranità e sussidiarietà delle istituzioni ovvero dalla logica degli Accordi di Kyoto al “Gemellaggio” di Positano ”.

-Dott.ssa Gabriella Bigatti – Europrogettista eConsulenza e Presidente AProCom – Associazione Progettisti Comunitari: Presentazione del nuovo Programma Europeo: Europe for Citizens (che ha dato vita al progetto “Posit.Ive Changes”)

11.20 FIRMA UFFICIALE DEL GEMELLAGGIO:

Intervengono:
-Domenico Marrone – Sindaco del Comune di Positano (Italia)

-Yiannis Poulopoulos – Vice Sindaco del Comune di Amaroussion (Grecia)

-Muguel Angel De Carlos -Sindaco del Comune di Mendavia (Spagna)

-Naftanaila Ion – Sindaco del Comune di Albestii de Muscel (Romania)

12.00 Conferenza stampa (incontro con i giornalisti)

13:00-14:30 pausa pranzo

14.30 Ripresa dei lavori


Sessione di Lavoro 5 – Idee e opportunità per lo sviluppo locale sostenibile


14.40 Prof. Lucio Valerio Spagnolo – Docente di Economia dell’Integrazione Europea, Università di Salerno (Italia)

“I cambiamenti in atto e gli scenari futuri sulla domanda turistica. I nessi col PIL e l’età. I Gusti dei consumatori, la concorrenza e l’opportunità costituita dalla destagionalizzazione”

15.00 Dott. Vito Cinque -Rappresentante Associazione Albergatori di Positano “Sviluppo locale sostenibile e turismo sostenibile responsabile”

15.40 Dott. Nino Gaetano Lionetti / Dott. Bruno Brancato – Impec S.p.a.

“Le risorse idriche: la ricchezza del futuro”

Tema della sessione:

-Turismo: problematiche e opportunità per la promozione del territorio -Strategie di adattamento per favorire l’industria del turismo

16:10 Dibattito


16:30 Conclusioni finali a cura del Sindaco di Positano, Domenico Marrone

Chiusura dei lavori.


Per Informazioni:

Segreteria organizzativa del Comune di Positano:
Tel: +39 089 8122535
Fax: +39 089 811122
Email: registration@positive-changes.eu
Sito Web: www.positive-changes.eu


Coordinamento di Progetto e Segreteria organizzativa :
eConsulenza -Divisione Politiche Comunitarie
Tel: +39 011 5538147
Fax: +39 011 19793431
Cell: +39 393 7231965
Email: europrogettazione@econsulenza.com
 

La partecipazione alla Conferenza è gratuita e aperta al pubblico previa iscrizione entro il 24 ottobre 2007 (utilizzando apposita scheda e inviandola via fax o email).