Nuovo processo per Eluana Englaro

0

ROMA – Una sentenza che farà discutere. E che ribalta quanto richiesto dal procuratore generale della Cassazione. Ma che per la prima volta segna dei «paletti» chiari dal punto di vista giuridico sul fronte dell’eutanasia. Ci sarà infatti un nuovo processo «in una diversa sezione della Corte d’Appello di Milano» sul caso di Eluana Englaro, la giovane in coma dal 1992 a seguito di un incidente stradale e per la quale il padre si è battuto per anni in tribunale affinchè venisse interrotta l’alimentazione fino al sopraggiungere della morte. Ne dà notizia la Cassazione in una nota redatta dal Primo Presidente della Suprema Corte, Vincenzo Carbone. «La Corte di Cassazione – spiega la nota – ha escluso che l’idratazione e l’alimentazione artificiali con sondino nasogastrico costituiscano, in sè, oggettivamente, una forma di accanimento terapeutico, pur essendo indubbiamente un trattamento sanitario – ha deciso che il giudice può, su istanza del tutore, autorizzarne l’interruzione soltanto, dovendo altrimenti prevalere il diritto alla vita, in presenza di due circostanze concorrenti:

1) la condizione di stato vegetativo del paziente sia apprezzata clinicamente come irreversibile, senza alcuna sia pur minima possibilitá, secondo standard scientifici internazionalmente riconosciuti, di recupero della coscienza e delle capacitá di percezione;


2) sia univocamente accertato, sulla base di elementi tratti dal vissuto del paziente, dalla sua personalità e dai convincimenti etici, religiosi, culturali e filosofici che ne orientavano i comportamenti e le decisioni, che questi, se cosciente, non avrebbe prestato il suo consenso alla continuazione del trattamento».


LE MOTIVAZIONI – Successivamente la Cassazione ha reso note anche le motivazioni della sentenza. C’è una «attuale carenza di una specifica disciplina legislativa» che fornisca indicazioni da seguire nel caso di richiesta di sospensione di cure e trattamenti sanitari provenienti dal legale rappresentante di un malato in coma e senza speranza di miglioramenti, sottolinea la Suprema Corte, che avverte la necessità «anche in tale situazione» di vuoto normativo, di dare una «immediata tutela» al «valore primario ed assoluto dei diritti coinvolti» in questa drammatica situazione, nella quale proprio l’importanza di tali diritti «impone una delicata opera di ricostruzione della regola di giudizio nel quadro dei principi costituzionali». La Suprema Corte spiega poi per quale motivo ha deciso di spingersi a dare indicazioni concrete per risolvere i casi dei pazienti in coma irreversibile o che chiedono la sospensione delle cure, colmando l’assenza di una normativa in tal senso. In proposito la Cassazione sottolinea di voler tenere presente la Convenzione di Oviedo sui trattamenti sanitari anche se non è stata «a tutt’oggi ratificata dallo Stato italiano» perchè la mancanza di un ratifica – spiega piazza Cavour – non significa che tale convenzione «sia priva di alcun effetto nel nostro ordinamento».



16 ottobre 2007


WWW.ANSA.IT


                            MICHELE DE LUCIA