Conca dei Marini, parcheggio in collina con i fondi per il porto

0

No al parcheggio con i fondi per la portualità»

CONCA DEI MARINI — Un parcheggio in collina realizzato con i fondi per un porto che non c’è e non ci sarà mai. Parte da quest’assunto la denuncia contenuta nell’esposto inviato a tutte le autorità dal consigliere di minoranza del Comune di Conca dei Marini, Paolo Rispoli, segretario comunale a Capri. Il parcheggio «incriminato» è quello di San Pancrazio, uno degli angoli più belli della Costiera amalfitana, che si trova al di sopra della strada statale Amalfitana, a circa cento metri dal livello del mare. Nel cuore della Costiera Amalfitana, al centro fra Amalfi e Positano, uno degli angoli di paradiso del pianeta. Da lì si raggiunge, solo attraverso una lunga e ripida scalinata, la spiaggia di Conca, famosa per i bagni di Jacqueline Kennedy e Gianni Agnelli. La Giunta comunale ha approvato il progetto definitivo dei lavori di realizzazione del parcheggio in località San Pancrazio con deliberazione n.20 del 19 settembre 2006, per un importo complessivo di 1.515.000 euro finanziato per un milione e cinquecentomila euro con i fondi Por Campania 2000-2006- misura 4.6- Pit Portualità Turistica. Il 10 aprile 2006 il Comune di Conca dei Marini ha emesso, ai sensi del comma 7 dell’art. 146 del codice dei beni culturali e del paesaggio, l’autorizzazione paesistica n.7. Tutto in regola, dunque? Rispoli è fortemente perplesso e passa al contrattacco. «La costruzione del parcheggio non ha attinenza con la portualità turistica e con inesistenti vie del mare o possibili collegamenti marittimi con gli altri comuni costieri – accusa il consigliere di opposizione – inoltre l’area è vincolata, l’immobile sul quale sta per sorgere il parcheggio trent’anni fa si presentava quale parco naturale di rara bellezza e la Chiesa e il parco per secoli sono stati il luogo dell’anima e della preghiera per moltissimi conchesi nella loro intima, mistica unione al Creatore». «La zona interessata dal parcheggio – fa inoltre notare Rispoli – è raggiungibile solo da una strada interna mai collaudata e mai collaudabile per le pendenze oltre il 25 per cento. Qui si sono verificati anche molti incidenti, fortunatamente senza vittime».
Michele Cinque I lavori per il parcheggio a Conca