A RISCHIO 90 MILIONI DI EURO PER OPERE PUBBLICHE NEI PICCOLI COMUNI

0

Nei 336 Comuni della Regione Campania che beneficiano delle provvidenze finanziarie di cui alla a Legge Regionale sui Lavori Pubblici n. 51/78 sono a rischio l’esecuzione di Opere Pubbliche per 90 milioni di Euro.
Infatti l’Istituto Nazionale di Credito dei Comuni, la Cassa Depositi e Prestiti, dal mese di giugno ha sospeso la concessione dei mutui ventennali assistiti dal concorso finanziario annuo della Regione pari al 5% sulla rata di ammortamento in quanto richiede alla Regione: “la revisione degli schemi contrattuali e delle garanzie che dovranno essere rilasciati per i prestiti assistiti da contribuzione regionale”.


 


Dunque nei 100 Comuni della provincia di Avellino, nei 67 di Benevento, nei 49 di Caserta, negli 11 di Napoli e nei 109 di Salerno, sono a serio rischio l’esecuzione di opere pubbliche come strade, acquedotti, fogne, scuole e arredo urbano.


I Sindaci dei piccoli Comuni sono in “panne” e non sanno a quale Santo votarsi per realizzare i piani di opere pubbliche allegati ai bilanci.


 


La Regione Campania a tutt’oggi attraverso gli Assessori responsabili del Settore finanziario e delle Opere Pubbliche, On. Valiante e On. De Luca, non ha prodotto alcuna azione politica ed istituzionale tendente a sbloccare la grave situazione che oltre a danneggiare gli Enti Locali, penalizza le imprese del settore e compromette i livelli occupazionali del delicato settore edile.


 


Per sostenere le numerose sollecitazioni dei Sindaci dei piccoli Comuni ho inoltrato un’interrogazione urgente che nel ripercorrere lo svolgimento dei fatti chiede al Governo Regionale un immediato e puntuale intervento a sostegno degli Enti Locali coinvolti nel blocco dei mutui.

 


 


 


 


DI SEGUITO L’INTERROGAZIONE


 


 


 


 Al Presidente della Giunta Regionale


On.le Antonio BASSOLINO


 


All’Assessore al Bilancio


On. Antonio Valiante


 


All’Assessore ai Lavori Pubblici


On. Vincenzo De Luca


 


 


 


 

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA SCRITTA E ORALE IN AULA

 

 

Il sottoscritto Consigliere Ugo Carpinelli del Gruppo Consiliare Democratici di Sinistra


 


PREMESSO


 


                                                                 


Che la Legge Regionale n. 51 del 1978 prevede, per i Comuni fino a 15.000 abitanti, forme di intervento finanziario per la realizzazione di opere pubbliche. Tale intervento si articola mediante contributi poliennali in conto capitale o in conto interessi per l’ammortamento di mutui da contrarre con la Cassa Depositi e Prestiti o altri istituti di credito;


 


che, per l’annualità 2007, con Decreto Dirigenziale n. 885 del 5 aprile 2007, è stato approvato il piano di riparto degli investimenti ventennali a favore di 336 Comuni della Regione, di cui n. 100 per la provincia di Avellino, n. 67 per la provincia di Benevento, n. 49 per la provincia di Caserta, n. 11 per la provincia di Napoli, n. 109 per la provincia di Salerno. L’investimento complessivo è pari a 90 milioni di Euro per opere di interesse pubblico locale, con mutui assunti dai Comuni ed assistiti dal concorso finanziario annuo della Regione pari al 5% sulla rata di ammortamento dei mutui ventennali contratti dagli Enti Locali;


 


Che a seguito del richiamato Decreto Dirigenziale, a numerosi Comuni della Regione in procinto di contrarre mutui , la Cassa Depositi e Prestiti ha comunicato: “ai fini del completamento della fase istruttoria stiamo ultimando la revisione degli schemi contrattuali e dalle garanzie che dovranno essere rilasciati per i prestiti assistiti da contribuzione regionale”.


 


Che, a seguito della richiamata nota, i 336 Comuni della Regione si trovano impossibilitati a realizzare il programma delle Opere Pubbliche allegato al bilancio di previsione, con ripercussioni negative per la mancata realizzazione di opere infrastrutturali primarie e secondarie;


 


che, anche a seguito di sollecitazioni del sottoscritto, nei giorni scorsi una delegazione di funzionari del Servizio Risorse Finanziarie si è incontrata a Roma presso la Cassa Depositi e Prestiti per interloquire con i Dirigenti dell’Istituto di Credito.


 


 


INTERROGA


 


Il Presidente della Giunta Regionale e gli Assessori in indirizzo per sapere:


1.    quali risultati ha prodotto l’incontro tenutosi a Roma e quali decisioni sono state assunte nel merito;


2.    quali iniziative intendono adottare gli assessori On.le Antonio Valiante e On.le De Luca per garantire la continuità degli investimenti ai piccoli Comuni della Regione Campania che attraverso la L. R. 51/78 hanno la possibilità di realizzare essenziali opere pubbliche primarie e secondarie a servizio delle loro Comunità.


 


Atteso che la contrazione e/o la concessione dei mutui deve avvenire entro il 31.12.07, anche per evitare la riduzione della capacità di indebitamento dei Comuni prevista dalla circolare n. 12 del 22.2.07 del Ministero dell’Economia e Finanze relativa al patto di stabilità, si sollecitano i provvedimenti più tempestivi e idonei, al fine di non vanificare la portata del Piano esecutivo di finanziamento per investimenti ed opere pubbliche relativo all’anno in corso, predisposto dagli Enti Locali della Campania.


 


 


Napoli, 25.10.2007


                                                             Ugo Carpinelli