Cineweekend: arrivano Travolta, Loach e Jodie Foster

0

Bella settimana di anteprime di qualita’ e intrattenimento quella che attende gli appassionati a partire da domani. Ce n e’ per tutti i gusti e quindi si suppone che proseguira’ il favorevole trend della presenza nelle sale (quasi il 7 per cento in piu’ rispetto allo scorso anno).




In particolare da segnalare:


HAIRSPRAY di Adam Shankman


Una commedia musicale d altri tempi ma con il linguaggio e gli eccessi giocosi del nuovo cinema demenziale per adolescenti. Autentico virtuosismo per John Travolta en travesti , per Micelle Pfeiffer al ritorno da protagonista, per Chtistopher Walken ormai stralunata maschera della normalita’ americana. In verita’ la storia ruota intorno a due ragazzine che si contendono lo scettro di reginette di un programma radiofonico nella Baltimora degli anni 60 nonch‚ il cuore dello stesso ragazzo (Zac Efron). Ma a fare la parte del leone sono le due madri che si combatteranno a forza di trucchi illeciti. Da una commedia musicale dell inconfondibile John Waters.


IN QUESTO MONDO LIBERO di Ken Loach


Dalla scorsa mostra di Venezia arriva uno dei vincitori morali di quella rassegna, una storia di vita vera, per una volta vista dal punto di vista degli sfruttatori anzich‚ degli sfruttati. La verita’ e’ che la protagonista del racconto, Angie, e’ animata dalla voglia di riscatto e gestisce un agenzia di collocamento interinale sulla pelle di emigrati clandestini e disperati in cerca di lavoro. Per un breve momento il mondo sembra essere ai suoi piedi, ma presto scoprira’ le insidie del sottobosco dello sfruttamento.


IL BUIO NELL ANIMA di Neil Jordan


La discesa agli inferi di una donna (Jodie Foster) a cui, in una notte come le altre, viene strappato il cuore e la ragione di vivere. Una banda di balordi la aggredisce, violentandola, mentre il suo fidanzato cade ucciso e il cane rapito. Da quel momento le ferite del corpo si rimarginano, quelle della mente restano profonde e la spingono a una ricerca compulsiva della vendetta. Le notti newyorchesi sono testimoni di una doppia caccia all uomo: quella
della disperata giustiziera sulle tracce dei criminali, e quella della polizia alla ricerca di un assassina. Straordinaria prova per una delle attrici piu’ sensibili e mature della scena hollywoodiana.


GRINDHOUSE PLANET TERROR di Robert Rodriguez


Seconda parte del dittico trash firmato in condominio con Quentin Tarantino dall autore di Dal Tramonto all Alba. Nell horror di Rodriguez c e’ spazio per i cammei di Bruce Willis e dello stesso Tarantino, tutti indaffarati intorno a una clinica di pazzi, un assalto di morti viventi, un dottore senza scrupoli e qualche intrepido salvatore dell umanita’. Si ride tra uno spavento e l’altro.


28 SETTIMANE DOPO di Juan Carlos Fresnadillo


Il sequel di 28 Giorni Dopo mostra tutte le doti di un giovane regista che rivaleggia alla pari con Danny Boyle sullo stesso terreno. Robert Carlyle e’ l ultimo sopravvissuto in un Inghilterra futuribile e disabitata dove i superstiti e i morti viventi si aggirano assetati di sangue e di vendetta. All origine c e’ un micidiale virus, ma il significato dell apologo e le trasparenti allusioni all Iraq rendono il film di stretta attualita’.


Escono anche la sfrenata ed esilarante commedia UN IMPRESA DA DIO cucita su misura per le doti comiche di Steve Carrell (gia’ protagonista di Una Settimana da Dio, sempre con la regia di Tom Shadyac), la delicata commedia sulla paternita’ I FRATELLI SOLOMON di Bob Odenkirk e il franco-americano 2 GIORNI A PARIGI diretto e interpretato da Julie Delpy in uno stile tra Godard e Woody Allen.