Il Napoli vola al secondo posto

0

NAPOLI, 26 settembre 2007 – Come nelle aspettative, è De Zerbi che affianca Zalayeta in avanti, mentre Lavezzi e a riposo in vista della gara di Domenica prossima contro il Genoa. Reja, oggi sono 100 le panchine al Napoli, fa un po di turnover. Bogliacino al posto di Blasi infortunato. Nel Livorno si rivede Tristan, ma solo nelle formazioni, perchè per tutto il primo tempo non tocca palla. Il Napoli parte benissimo, spinge e tenta subito la conclusione verso la porta difesa da Amelia. Prima De Zerbi, poi Hamsik tentano di impensierire il portiere campione del mondo. De Zerbi non è Lavezzi, parte da più lontano, e Zalayeta lotta da solo in mezzo a Grandoni, Knezevic e Pavan. Gli inserimenti dei centrocampisti latitano e la difesa amaranto (la più battuta del campionato) regge. I problemi che creano Tavano e compagni sono davvero pochi, così da tenere poco impegnata la difesa partenopea che tenta anche la conclusione a rete. Nel finale di primo tempo il Napoli continua a spingere cercando il meritato vantaggio: Domizzi tenta una sventola di sinistro poi impegna Amelia di testa su calcio d’angolo. Poi è Garics che a momenti fa esplodere il San Paolo con un destro in corsa. Nella ripresa stesso copione, il Napoli attacca ed il Livorno si difende. Ma a ritmi molto più blandi. Al Livorno, ultimo in classifica, il pari sta benissmo e cerca di contenere la furia azzurra. Il Napoli tira solo dalla distanza e quando prova a farsi vedere in area c’è sempre un super Amelia, che in presa o in uscita spegne ogni attacco azzurro. Reja (poi espulso per proteste) butta dentro Sosa a creare un’inedita coppia di pivot con Zalayeta. Nel Livorno dentro Bogdani e De Vezze per Tavano e Tristan. Dire che la coppia d’attacco titolare toscana esce bocciata dal San Paolo è poco, l’attacco Livornese sente la mancanza di un leader come Cristiano Lucarelli. Nel Napoli c’è spazio anche per Calaiò, ultima carta del mazzo napoletano. Sosa ha un’occasione dietro l’altra. E’ un crescendo: sinistro alto, colpo di testa a lato e palo.A cinque minuti dalla fine il tap-in vincente. Colpa di Amelia, che si lascia sfuggire un cross dalla sinistra e lascia al Pampa l’occasione più facile del mondo che prende prima l’ennesimo palo e poi ribadisce in rete scatenando la gioia dei tifosi partenopei. Il Livorno non ne ha più e per il Napoli si finisce in gloria.


NAPOLI-LIVORNO 1-0 (Primo tempo: 0-0)


MARCATORE: Sosa al 40′ st


NAPOLI (3-5-2): Gianello; Contini, Cannavaro, Domizzi; Garics, Hamsik (dal 38′ st Montervino), Gargano, Bogliacino, Savini; De Zerbi (dal 18’st Sosa), Zalayeta (dal 29’st Calaiò 6). (A disposizione: Del Giudice, Maldonado, Rullo, Dalla Bona). Allenatore: Reja.


LIVORNO (3-5-2): Amelia; Grandoni, Knezevic, Pavan (dal 27′ st Galante); E. Filippini, Vidigal, Loviso, A. Filippini, Pasquale; Tavano (dal 23’st De Vezze), Tristan (dal 13’st Bogdani). (A disposizione: De Lucia, Diamanti, Giannichedda, Volpe). Allenatore: Orsi.


ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno


NOTE: terreno in buone condizioni, spettatori 50 mila circa. Ammoniti Contini, Grandoni, Sosa. Espulso Reja (N) per proteste. Angoli 11-2 per il Napoli. Recuperi: 1′; 4′.

 

Andrea Gallucci