Vico Equense assenti dal lavoro denunciati otto impiegati del Comune

0

GIUSEPPE DAMIANO Vico Equense, Penisola Sorrentina. Timbravano i cartellini dei colleghi assenti per farli risultare regolarmente in ufficio. Otto impiegati del Comune di Vico Equense, tra i quali due dell’ufficio della polizia municipale e due dell’anagrafe, saranno deferiti all’autorità giudiziaria per «concorso in falso e truffa aggravata ai danni dello Stato»: i carabinieri di Sorrento, coordinati dal capitano Federico Scarabello, li hanno smascherati nel corso di un blitz anti-assenteismo condotto nell’ente municipale del centro costiero. L’altra mattina, nella sede di piazza Mercato del palazzo comunale di Vico Equense, una pattuglia di carabinieri in borghese si apposta con discrezione nei pressi dell’orologio marcatempo del personale dipendente. Sono da poco passate le 8.20. Gli impiegati del comando di polizia municipale e degli uffici anagrafe, politiche sociali, commercio e turismo si accingono a prendere servizio per il turno mattutino di lavoro. Sembra tutto avvenire nei rituali canoni della normalità: il personale, prima di prendere posto in ufficio, estrae dalla bacheca i tesserini e li marca nell’apposito orologio segnatempo. Poi, però, succede qualcosa di strano: quattro dipendenti, dopo aver «passato» le loro tessere, estraggono anche altri quattro cartellini appartenenti a colleghi assenti. Le quattro tessere vengono marcate. Qui entrano in azione i carabinieri in borghese che si avvicinano e mostrano il distintivo. Poi chiedono spiegazioni sulla «doppia operazione» ai quattro impiegati e la truffa viene smascherata. È probabile che gli «assenti» si siano accordati con i quattro colleghi di ufficio per timbrare i loro cartellini e farli risultare così sul posto di lavoro. Un piacere probabilmente da ricambiare o già ricambiato. Insomma, un vero e proprio giro di assenteisti. Scattano le denunce: i quattro impiegati assenti e i loro quattro «complici» saranno deferiti nelle prossime ore alla magistratura, in stato di libertà, per «concorso in falso e truffa aggravata ai danni dello Stato». Il blitz dei carabinieri segue un’analoga operazione eseguita il 4 settembre scorso al distretto 88 dell’Asl Napoli 5 di Sant’Agnello: due donne, un’infermiera professionale e un medico, vennero denunciate per lo stesso reato. In pratica, i militari in borghese, nell’ambito di un controllo anti-assenteismo, sorpresero un’infermiera di Piano di Sorrento a timbrare il cartellino del medico assente (una quarantaseienne di Nocera Superiore) per l’imminente inizio del turno pomeridiano di lavoro. L’episodio si verificò alla sede del distretto sanitario di via Mariano Lauro: anche in quella circostanza, i carabinieri agirono appostandosi discretamente nei pressi della bacheca delle tessere dei dipendenti e dell’orologio marcatempo. In costiera sorrentina, dunque, si intensificano i controlli delle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno dell’assenteismo: altre pattuglie di carabinieri in borghese, infatti, stanno passando al setaccio gli impieghi pubblici per vigilare sui luoghi di lavoro.


Da Il Mattino


Lascia una risposta