Sorrento paura sulla Statale Sorrentina per un crollo di calcinacci

0

Sorrento Paura sulla Statale sorrentina per il crollo di calcinacci da un cavalcavia a Castellammare. Un cedimento improvviso di materiale logorato dal tempo, che ha provocato lunghe ore di disagi all’intero territorio compreso tra la penisola Sorrentina e il comprensorio stabiese. Erano le 17.30 quando una fiat Croma è stata investita sul parabrezza e sul cofano dai calcinacci precipitati da un cavalcavia situato al chilometro 10,850 della statale, tra la galleria Privati e il bivio di Pozzano, a pochi metri dall’istituto religioso delle Piccole Ancelle di Cristo Re. Alla guida del veicolo un residente della zona, che solo per fortuna non ha riportato alcuna ferita. Immediata la reazione degli altri automobilisti che, accorsi per prestare soccorso all’uomo, hanno anche dato l’allarme. In pochi minuti sono arrivati sul posto le pattuglie dei vigili urbani di Castellammare assieme agli agenti della polizia stradale del comando di Sorrento. Alle 18.15, al termine di un’azione coordinata tra le forze dell’ordine sono state chiuse tutte le vie di accesso alla Statale e deviato il traffico in transito dalla penisola attraverso la rete viaria della città delle acque. Isolata l’intera zona, sono quindi intervenuti i vigili del fuoco di Castellammare. Verificata la staticità della struttura che collega due zone agricole sovrastanti la statale, è stato poi necessario chiedere l’intervento della compagnia dei pompieri di Napoli per provvedere alla bonifica del vecchio ponte. Interventi tempestivi, ma il lavoro di messa in sicurezza del cavalcavia e la rimozione di tutta quella parte di intonaco a rischio ha richiesto diverse ore di lavoro. Intanto, congestionate tutte le strade urbane, invase da migliaia di automobili incolonnate per chilometri e in ogni direzione. L’incessante flusso di veicoli provenienti da Gragnano, Pompei, Santa Maria la Carità ha ulteriormente bloccato la viabilità in periferia, mentre le strade del centro, dal viale Europa a via Marconi sono state completamente intasate dai numerosi autobus di turisti provenienti dalla penisola in marcia verso il raccordo autostradale dell’A3. Più drammatica, invece, la situazione per gli autobus rimasti bloccati in entrambi i sensi di marcia tra le gallerie di Varano e Privati, che hanno dovuto attendere la fine dei lavori di bonifica. Infatti, soltanto intorno alle 20, al termine della rimozione dei calcinacci dalle corsie, gli agenti della stradale hanno consentito la riapertura al traffico.