Praiano il sindaco precisa, da noi l´abusivismo si combatte

0

Costiera Amalfitana. A proposito delle vicende relative agli abusi edilizi in Costa d’Amalfi il Sindaco di Praiano, Gennaro Amendola precisa che: L’amministrazione Comunale da me presieduta, fin dal 2001 ha avviato una intensa attività nel settore urbanistica/edilizia, basata principalmente ad istruire e definire le oltre 800 pratiche di condono giacenti nell’Ufficio Tecnico e mai esaminate precedentemente. Ad oggi, posso dire, che il grosso lavoro portato avanti dall’Ufficio Tecnico, in collaborazione con gli Enti preposti alla Tutela del territorio, con i tecnici privati e con i cittadini che avevano presentato le istanze di condono; ha consentito una riqualificazione del territorio, eliminando abusi di piccola e grossa entità, anche con la demolizione di corpi di fabbrica che deturpavano il paesaggio. Inoltre con una serie di provvedimenti innovativi ( semplificazione istruttorie pratiche, regolamentazione piccoli interventi di manutenzione, ed altri), abbiamo circoscritto il fenomeno dell’abusivismo edilizio, che rispetto al passato si è notevolmente ridotto. Nello stesso tempo, abbiamo attivato sul territorio un’attività di controllo, con la Polizia Municipale ed in collaborazione con Comando Carabinieri di Positano, con la Guardia di Finanza e con la Capitaneria di Porto, che settimanalmente effettuano dei sopralluoghi anche via mare. Questa intensa attività, che è documentata dai provvedimenti emessi dall’Ufficio Tecnico, non è riuscita a frenare del tutto gli abusi, è vero, ma i manufatti abusivi tuttora presenti sul territorio del Comune di Praiano sono stati sequestrati e sono oggetto di procedimenti pendenti al Tar ed alla Magistratura Penale, che in alcuni casi, vista la complessità dei procedimenti è anch’essa impotente. Quindi, indipendente dalla contingenza che stiamo attraversando, l’Amministrazione del Comune di Praiano ha sempre avuto e continuerà ad avere un’attenzione particolare per il triste fenomeno dell’abusivismo edilizio. Con grande determinazione continuerà a perseguire gli abusi, attivando altre procedure per la demolizione dei manufatti abusivi, di comune accordo con gli organi di Vigilanza e con gli altri Enti preposti alla Tutela.