MILLE GAY SI BACIANO SOTTO L´UFFICIO DI GENTILINI

0

Un migliaio di omosessuali si sono dati appuntamento ieri sotto il balcone dell’ufficio di Giancarlo Gentilini, il prosindaco di Treviso che due giorni fa ha invocato «la pulizia etnica» contro gay e lesbiche. Centinaia di coppie hanno alternato baci veri, alla francese, a insulti e fischi contro le finestre (rigorosamente chiuse) del Comune veneto. Il vicesindaco era in ufficio ma ha deciso di non ricevere alcuna delegazione di omosessuali.
In piazza per il «kiss in» c’era anche Aurelio Mancuso, presidente nazionale Arcigay, che ha polemicamente invitato tutti i partiti a fare «pulizia etica» al loro interno: «Siamo stufi di avere amministratori pubblici come Roberto Calderoli, Roberto Di Piazza, Piergianni Prosperini, Mirko Tremaglia o Giancarlo Gentilini, tutti omofobi della peggior specie». Mancuso ha anche annunciato «una grande manifestazione nazionale contro l’omofobia» nei prossimi mesi proprio a Treviso.
Molti manifestanti si sono presentati in piazza esibendo sui vestiti un triangolo rosa in segno di solidarietà. «Esteriorità a parte – ha spiegato il presidente veneto di Arcigay Alessandro Zan – ora vogliamo che il Comune di Treviso avvii azioni concrete contro le discriminazioni nei confronti degli omosessuali. Pensiamo a un osservatorio permanente come sta già realizzando Venezia e come già esiste in altre città».
«A Treviso ora non ci sentiamo sicuri – ha aggiunto Zan – mentre vogliamo che l’incolumità degli omosessuali sia garantita».
All’evento hanno partecipato anche il parlamentare dell’Ulivo Franco Grillini, presidente onorario dell’Arcigay, e il portavoce del presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan, che ha portato la solidarietà del governatore: «Certe questioni non si superano né con gli insulti, né con le offese».
La manifestazione, seguita da decine di poliziotti e carabinieri, si è conclusa regolarmente. Da quanto si è appreso, dalla piazza sarebbero stati allontanati a scopo precauzionale tre giovani di ambienti di estrema destra.



Lascia una risposta