NAPOLI,SICARI UCCIDONO CAMORRISTA

0

Freddato davanti a moglie e figli









Riesplode la guerra di camorra a Napoli, con un altro delitto che si aggiunge a quelli degli ultime ore. Un uomo di 46 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso a colpi di pistola mentre era in fila, con la moglie e i figli, per entrare all’interno del parco acquatico “Magic World” di Licola, sul litorale domiziano, in provincia di Napoli. L’uomo era ritenuto vicino al clan degli “scissionisti”.


Si è rotta forse definitivamente la fragile tregua tra il clan dei Di Lauro e gli “scissionisti”, ex fedelissimi della famiglia camorristica che si sono messi in proprio per il controllo del mercato della droga.

L’agguato
I killer sono giunti, secondo una prima ricostruzione, in sella ad uno scooter. Nunzio Cangiano aveva accompagnato con la moglie al parco acquatico i due figli di 14 e 8 anni, ma si era leggermente allontanato dall’ingresso del parco, mentre la donna e i bambini facevano la fila per acquistare i biglietti, quando i sicari lo hanno avvicinato e ucciso – come riporta l’Ansa – con numerosi colpi di pistola. Per l’uomo, residente nel quartiere napoletano di Secondigliano, ritenuto vicino al clan degli “scissionisti” non c’è stato nulla da fare. E’ morto sul colpo.

In quel momento c’erano in fila molte persone, famiglie con figli: gli spari hanno causato momenti di panico, ma nessuno è rimasto ferito a causa del fuggi-fuggi. I killer hanno sparato solo contro il loro bersaglio.


                       MICHELE DE LUCIA