VENEZIA: LA NOTTE QUARTO PONTE,CITTA´ CON FIATO SOSPESO

0

VENEZIA – E’ andato tutto bene: la chiatta con i conci del Ponte di Calatrava alle 2:20 di questa notte ha concluso il suo viaggio arrivando a piazzale Roma. La  “notte del ponte” si e’ conclusa senza alcun brivido. I due conci sono il segno s concreto che Venezia non è una città che vive di solo passato. La struttura fatta di acciaio, vetro e pietra d’Istria, firmata dall’architetto catalano Santiago Calatrava, una volta completata sarà il quarto ponte sul canal Grande, a Venezia. Un’opera attesa 11 anni e che arriva in coincidenza con il compleanno dell’ideatore, che oggi compie 56 anni.


Il percorso e’ stato seguito da centinaia di persone, tra curiosità e consapevolezza di assistere ad un evento che per Venezia ha dello straordinario, e che ha visto il pontone con le due parti laterali entrare in ‘canalazzo’ verso mezzanotte dal Bacino di San Marco per poi passare sotto i tre più antichi ‘fratelli’, nell’ordine prima l’Accademia, poi Rialto e infine il ponte degli Scalzi, alla stazione ferroviaria. Il momento più emozionante, che ha tenuto tutti con il fiato sospeso, e’ stato quando ‘Susanna’, accompagnata da due pontoni e da una barca d’appoggio, e’ passata sotto l’arcata cinquecentesca di Rialto, con uno spazio disponibile in altezza di appena 80 centimetri. “Niente – ha spiegato, nel corso del sopralluogo compiuto ieri con i giornalisti, Pietro Casetta, portavoce dell’impresa Cignoni, appaltatrice dei lavori – è stato lasciato al caso. Quella di stanotte, di fatto, è però solo stata la prima fase di un lungo cammino fatto di più tappe che si completerà tra l’11 e 12 agosto con l’unione dei tre pezzi che compongono la struttura portante del ponte di Calatrava, composta da complessive 74 ‘vertebre’.

Oltre ai due conci laterali – lunghi 15 metri, larghi 7,90 e del peso di quasi 100 tonnellate – che saranno montati da oggi, infatti, la notte tra il 7 e 8 agosto sarà trasportata la parte centrale – lunga 60 metri e pesante 270 tonnellate – per arrivare a metà agosto con il lavoro di ricongiunzione dei tre elementi. Poi, ci vorranno altri mesi per l’allestimento e infine si arriverà all’apertura ufficiale. “Montate le strutture – ha puntualizzato l’ingegner Salvatore Vento, Direttore del Dipartimento Politiche territoriali del Comune di Venezia e Responsabile Unico del Procedimento – si procederà poi alla posa dei basamenti, dell’illuminazione e della struttura per i disabili. Il tutto dovrebbe concludersi sicuramente entro la fine del 2007. Il Comune poi, terrà il ponte sotto monitoraggio, per i prossimi 5 anni, ovvero sino alla fine del suo periodo di completo ‘assestamento'”. Sul piano tecnico, l’opera realizzata da maestranze e imprese italiane avrà una lunghezza complessiva di 94 metri, comprendente anche le due parti laterali in calcestruzzo, e congiungerà Piazzale Roma all’area della stazione ferroviaria.


www.ansa


                                           DE LUCIA MICHELE