Guerra ai centauri a Positano

0

Guerra ai centauri a Positano. Decine di incidenti, anche gravi, e il paese invaso da centinaia di mezzi a due ruote nelle giornate festive hanno portato il Comune di Positano a porre un freno ai mezzi a due ruote. Divieto di circolazione per la strada interna che porta in spiaggia nei finesettimana e controlli con autovelox con dei “punti mobili” nel paese dal prossimo agosto, questi i provvedimenti adottati dall’amministrazione. Con l’ordinanza numero 22 del sei luglio, andata in vigore qualche giorno fa, è stato istituito il divieto di accesso al paese per i mezzi a due ruote, e, specificatamente, lungo l’asse viario Via Pasitea, Piazza dei Mulini, Via Cristoforo Colombo, e cioè all’interno del paese. Questo fino a tutto il 26 agosto 2007, limitatamente ai giorni di sabato e domenica ed agli altri giorni prefestivi e festivi, dalle ore 10,00 alle ore 14,00. Fatti salvo, naturalmente, i residenti o coloro che devono raggiungere strutture recettive e/o parcheggi, purchè muniti di idoneo documento di prenotazione, nonchè i lavoratori muniti di idonea attestazione rilasciata dal datore di lavoro, sempre che alla guida di ciclomotori o motocicli con marmitte e tubi si scappamento che appaiano integri e non manomessi al fine di aumentarne la velocità la capacità di emissione di gas di scarico.
“E’ un provvedimento necessario e non è la prima volta che lo abbiamo preso – spiega l’assessore alla viabilità Salvatore Cuccurullo -, sono scelte legate alla vivibilità durante il periodo turistico del nostro paese. Già da alcune settimane, in corrispondenza con il periodo di maggior afflusso turistico,si riscontra, specie in alcune fasce orarie nei giorni prefestivi e festivi, una presenza assai cospicua di motocicli e ciclomotori, evidentemente preferiti, perchè di limitato ingombro rispetto ad altre tipologie di veicoli, per escursioni occasionali lungo le stradine del nostro centro storico.” Perchè solo ai ciclomotori? “Perchè sono in migliaia e creano maggiore pericolo anche a causa della loro facilità di fare sorpassi , in un centro che è a senso unico, creando spesso ingorghi e frequenti blocchi totali del traffico stesso, anche gli stessi incidenti sono aumentati, con la media di uno ogni due giorni in questo ultimo periodo, e riguardano tutti i ciclomotori. Non solo ma i mezzi a due ruote sono connotati da livelli di rumorosità di emissioni di gas di scarico spesso nettamente superiori rispetto alla media degli altri veicoli, per cui una loro eccessiva presenza in un ambito relativamente ristretto è spesso fonte di inquinamento atmosferico ed acustico, ben oltre i limiti di normale tollerabilità con effetti deleteri sia per l’incolumità fisica dei cittadini residenti e dei turisti ospiti delle numerose strutture ricettive, sia per la stessa immagine turistico paesaggistica della nostra città.Anzi ritengo che il divieto vada ampliato cominciandolo già dalle otto e non alle dieci come ora.” E invece per l’autovelox? “Siamo pronti per introdurlo nel paese con dei punti mobili – spiega Salvatore Cucurullo -, ci siamo rivolti ad una società che ha fatto lo stesso lavoro in altri posti limitrofi, come Sorrento, ci serve solo l’autorizzazione da parte dell’Anas per coprire tutto il territorio del paese, tutti sanno il terrore in cui viviamo soprattutto nei finesettimana quando ci sono dei motociclistici sfrecciano sulla strada statale in quello che chiamano “il giro della morte”, stiamo solo prendendo dei provvedimenti per tutelare la cittadinanza e la vivibilità nell’interesse di tutti.”

Michele Cinque

Lascia una risposta