Amelia (TR). Tommaso Cascella.

0


Ancora una nuova mostra per Tommaso Cascella, romano, classe ’51, che vive e lavora tra Roma e Bomarzo, nel Viterbese. La sua ricerca creativa si nutre della libertà avanguardistica legata al secondo Novecento, ma si è evoluta grazie all’esplorazione delle potenzialità della materia. Cascella, erede di una lunga dinastia di artisti, ha al suo attivo quasi cento personali. La componente ludica, intima nelle sue opere, assume verso gli anni settanta forma e fisicità materializzandosi su tele, ceramiche e sculture. Ferro, bronzo, carboncino, terracotta e molti altri materiali diventano i mezzi che gli consentono di viaggiare sui campi  della memoria tra la pittura e la scultura. I diversi linguaggi si rincorrono e si ritrovano in una narrazione unica: le immagini tridimensionali della scultura si riconoscono nelle grafie che animano le sue tele dove la pittura e scultura sono due modalità dello stesso pensiero. Cascella guarda all’essenza delle cose, dove la realtà diviene poesia. Dagli anni ottanta, sottili elementi di ferro fuoriescono dalle tele, ancora trattenuti dal guanto di colore dipinto. Si spingono, poi e sempre più oltre, la superficie e riempiono lo spazio, dando vita ad ombre e vuoti. Poco più in là, nel tempo, quando la pelle del dipinto si rivela troppo stretta, il metallo acquisisce una propria autonomia, diventando opera, dove i segni, un tempo tracciati sulla tela, prendono vita, corpo, materia.


 


Nella sua autopresentazione, per questa mostra ad Amelia “Voglio essere giorno”, Tommaso Cascella segnala: “ … Presento dei quadri fatti di sola pittura, senza rilievi, collages e ferri ai quali sono legato da anni. Solo colore su tela come si fa con la pittura. Un ritorno (ma non c’è stata mai partenza vera) al classico. Ecco perché trovo perfetto esporre in una cittadina come Amelia. Il mio lavoro vicino alle pietre ciclopiche, agli affreschi manieristi, alle linee felici e perfette del chiostro e a quella santità pervasa da uno stupore francescano per il bello, per fratello sole e sorella morte, per la luce e il suo contrario indissolubile che alimentano la tavolozza del pittore.”  


 


L’attività di Tommaso Cascella prosegue e l’artista, che ha sempre voglia di analizzare ed approfondire, si mette in discussione ed affronta nuove materie e differenti materiali, nonché strumenti vari per classificare, catalogare, schedare, archiviare e raccogliere le sue onde emozionali. L’artista ha ben individuato nella materia l’opportunità di conciliare, appuntare e definire “esprit” e segni affabulanti. In conclusione, Tommaso Cascella è sempre più interessato alla materia, di cui riesce ad accertare intestine chances, che  saggia con diversi strumenti operativi.


 


Maurizio Vitiello


 


 


Info:


Sede:


Museo Archeologico Amelia      


Sale espositive Museo e Chiostro San Francesco


Piazza A. Vera, 05022 Amelia, Terni


 


Inaugurazione:


Venerdì 27 luglio 2007, ore 21.30


Chiostro di San Francesco


 


Artista:


Tommaso Cascella


 


Titolo mostra:


Voglio essere giorno


 


Catalogo:


Edito dall’Associazione Culturale GALLERIA UMBRIA  ARTE   


 


Testo critico:


Alberto D’Atanasio


 


Coordinamento Generale e Organizzazione:


Assoc. Culturale GALLERIA UMBRIA ARTE


info@galleriaumbriaarte.it


www.galleriaumbriaarte.it


 


Ufficio Stampa:


Barbara Cinaglia – Punto Press – Servizi Stampa


barbaracinaglia@libero.it – 339 8998320


 


Periodo ed orario: Sabato 27 luglio 2007 – 26 agosto 2007; tutti i giorni, dalle 10,30-13 e 16,30-19,30;  lunedì chiuso; tel. 0744- 978120