Apice Vecchia (BN). Festival “Terre in Moto”.

0


Al via la seconda edizione di “Terre in Moto”, il Festival delle arti popolari che ha luogo nel magico scenario di Apice Vecchia (Bn) e gode del patrocinio dell’assessorato al Turismo della Regione Campania, della Provincia di Benevento e del Comune di Apice. L’iniziativa, promossa dal Centro di Cultura Popolare di Antonio Acocella, sarà presentata mercoledì 18 luglio, alle ore 12, presso l’Aula consiliare della Rocca dei Rettori di Benevento. Interverranno: Carmine Nardone, Presidente della Provincia di Benevento; Raffaele Giardiello, Sindaco di Apice; Antonio Acocella, presidente del Centro di Cultura Popolare; Pietro Ricci e Ciro Maria Schettino, direttori artistici del Festival; Raffaele Di Mauro, etnomusicologo; Angelo De Falco, ‘E Zezi.



 


Il festival offre nove “intensissimi” giorni di laboratori musicali, stage di pizzica e tammurriata, seminari, concerti.


Protagonisti: artisti, danzatori/trici di balli popolari, antropologi, esperti etno-musicologi, giornalisti, etichette musicali indipendenti, artigiani di strumenti musicali popolari. In programma un concorso per giovani emergenti con un contratto discografico per il vincitore; l’allestimento di cinquanta botteghe per l’esposizione e la vendita dei prodotti artigianali; percorsi eno-gastronomici.


Il Comune di Apice,  richiesta del CCP, allestirà per l’occasione un’area per campeggio libero. Il CCP ha in programma di portare il Festival “Terre in Moto” quale momento fondamentale di un percorso verso “ l’interculturalità” a partire da un gemellaggio con la Grecia e  la Romania.


 


Il festival quest’anno avrà quattro direttrici; ecco il programma dei concerti:


 


1. Arena grande – Piazza Umberto – ore 22.30


Sul palco principale, tutte le sere, diciotto concerti a ingresso libero, in scena ospiti rappresentativi della musica folk, tra rappresentanti storici e nuove tendenze. La direzione artistica è affidata a Ciro Maria Schettino musicista/compositore del gruppo “Sanctoianne”, gruppo sannita vincitore del “Folkontest”, del “Trophee Dagan Celtic Cider” e del Concorso “Voci per la libertà – Una canzone per Amnesty”. Insieme a Pietro Ricci compositore e musicista polivalente, considerato il massimo esponente del suo strumento, ha portato la zampogna in tutto il mondo fino ad esibirsi al Teatro alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti. Alle ore 22.30 i concerti di Officina Zoè (sabato 21), Enzo Avitabile & i Bottari (domenica 22), Calicanto (lunedì 23), ‘E Zezi -premio alla carriera (24), Sancto Ianne (25), Terra Sonora (26), Antonio Infantino e liberi artisti (27), la Notte delle paranze (28), Tamburellando orchestra a cornice di Arnaldo Vacca (29).


 


2. Concerti al castello – ore 20.30


“Terre in Moto” diventerà anche etichetta discografica.


 


3. Seminari sulle tradizioni popolari


Il CCP ha istituito un comitato scientifico per la realizzazione di  una serie di incontri aventi lo scopo di promuovere una riflessione significativa su temi di carattere musicale, sociale ed altro. Nella sala conferenze del Castello, si terranno seminari su: la musica popolare, il valore rituale e sociale, le memorie della terra, ecc Il comitato scientifico sarà presieduto dall’etno-musicologo Raffaele Di Mauro.


 


4. Laboratori & stages


Al Castello si terranno laboratori musicali dove un pubblico esperto potrà incontrarsi per suonare insieme (Laboratorio di tammorra e tamburello di Emidio Ausiello). Visto il successo della I edizione saranno approfonditi gli stage di danze popolari del Sud Italia, in particolare lo studio della Tammurriata, a cura di Milena Acconcia, e della Pizzica, a cura di Maristella Martella. Il CCP si sta battendo affinché vengano definiti dei ruoli precisi fra i vari operatori del settore, iniziando, soprattutto, dalla formazione. Il CCP vuole affrontare e definire il ruolo professionale degli insegnanti di danza popolare così come già avviene nello sport chiedendo un riconoscimento della Pizzica e della Tammurriata  come danze ufficiali.


 


Festival da seguire per la molteplicità delle proposte.


 


Maurizio Vitiello


 


 


Info:


C.C.P. – Centro di Cultura Popolare


Via Bausan, 36 – 80121 Napoli


ph. 081.400612 – fax  081.408346


www.centroculturapopolare.org    info@centroculturapopolare.org


C.F. 95041010638


 


Ufficio stampa:


Maresa Galli 333/8964755


maregalli@email.it