Sequestrato pesce avariato ad Amalfi

0


I militari della sezione operativa navale della guardia di finanza di Salerno, nel periodo compreso tra domenica 1 luglio ed oggi, hanno sequestrato oltre quattro quintali tra novellame di pesce spada, tonni, mitili ed altri generi ittici in pessimo stato di conservazione. L’operazione è scattata all’alba di domenica, quando diversi pescherecci sono rientrati nel porto di Amalfi dopo una battuta di pesca, che si è conclusa con la cattura di diversi esemplari di pesce spada e tonni rossi, di gran lunga al di sotto delle dimensioni consentite dalla legge per la cattura, ovvero 145 cm per i primi e 70 cm per i secondi.

Sette persone sono state denunciate all’autorità giudiziaria, mentre il prodotto pescato è stato devoluto in beneficenza, dopo essere stato analizzato dai veterinari dell’Asl Sa/2 distretto e di Salerno. Inoltre, le fiamme gialle “del mare” hanno anche sorpreso un ambulante sprovvisto di licenza a vendere, nei pressi del lungomare della città, prodotti ittici in pessimo stato di conservazione e privi di protezione e certificazione di provenienza. Anche in questo caso, il responsabile è stato denunciato all’autorità giudiziaria, mentre la merce è stata distrutta, per evitare che la salute dei cittadini potesse correre dei rischi.

4 luglio 2007


                                  MICHELE DE LUCIA