Agropoli Festa per Alfieri con 10mila invitati Forza Italia attacca: «Chi paga?»

0

Festa per Alfieri con 10mila invitati Forza Italia attacca: «Chi paga?»
PAOLA DESIDERIO Agropoli. Quattro quintali di mozzarelle, 12 forme di Parmigiano, 40 prosciutti, duemila pizze, 10 quintali di vino, 20 quintali di angurie, e, per finire, una torta del peso di sei quintali, un pan di spagna alla crema di tre metri di lunghezza per due e mezzo di larghezza. Sono i numeri da capogiro della grande festa organizzata dal neo sindaco di Agropoli Franco Alfieri e dalla sua maggioranza, per festeggiare con la cittadinanza la vittoria. Tutto è stato curato nei minimi dettagli e al termine non mancheranno bottiglie di spumante e fuochi pirotecnici. Quella prevista per domani sera è una cena per ben diecimila persone. La festa avrà luogo in piazza della Repubblica, proprio sotto il municipio, non appena avrà termine il primo consiglio comunale dell’era Alfieri. Per l’occasione verrà allestita una tavolata di circa 400 metri. Decine, le aziende di prodotti alimentari e i fornitori di bevande coinvolti, provenienti da ogni parte della provincia di Salerno, che forniranno le loro prelibatezze a titolo gratuito. Per avere un’idea della grandiosità dell’evento, basti pensare che per il trasporto della torta, realizzata da una pasticceria di Capaccio, occorrerà utilizzare un camion-frigorifero. Ed è chiaro che nella “capitale” del Cilento c’è già chi parla di Guinness dei primati. Sul tranquillo svolgimento dell’evento vigilerà anche l’associazione di Protezione civile Delta Emergenze. Ad una festa così non potrà mancare, accanto al “festeggiato” Franco Alfieri, un personaggio di fama internazionale: si tratta di Mogol che al termine della mega cena, si esibirà in Piazza Vittorio Veneto in compagnia del gruppo Lcm del Centro Europeo Tuscolano. Mentre gli esponenti locali di Fi definiscono legittimi i festeggiamenti per chi ha vinto, sono invece polemici i vertici regionali del partito. Il vicepresidente del gruppo di Fi Passariello ha commentato con una nota la notizia: «Prima l’annuncio di una megacena per diecimila elettori, poi comprendendo la portata della defaillance, la notizia che a pagare saranno aziende evidentemente amiche. Ad Agropoli si è persa la testa. Quanto costa la maxicena da guinness e chi paga davvero?».
Da Il Mattino