Banda larga a rischio Europa? I provider lanciano un´appello

0

TechCorner
Banda larga a rischio Europa?
L’AIIP denuncia presunti atteggiamenti scorretti di Telecom Italia

8L’Associazione Italiana Internet Provider ha acquistato uno spazio pubblicitario sul Messaggero di oggi per pubblicare un appello urgente, riportato di seguito, indirizzato al Governo, ai Parlamentari e Senatori d’Italia, al CdA di Telecom Italia, ad AGCOM, AGCM, alle associazione dei consumatori e ad oltre un milioni de utenti internet Italiani per scongiurare ulteriori ritardi nell’applicazione della regolamentazione europea relativa alla larga banda.

A fronte della nuova regolamentazione, Telecom Italia è tenuta a presentare entro la settimana prossima la nuova offerta per la larga banda all’ingrosso. AIIP è seriamente preoccupata della possibilità che Telecom Italia, come già avvenuto, adotti una tattica dilatoria presentando un’offerta lontana dalle migliori condizioni praticate in Europa, al solo fine di sfruttare i tempi richiesti da un intervento dell’Autorità per la modifica dell’offerta.

AIIP si appella alla sensibilità delle istituzioni e di quanti sono interessati al futuro e a all’innovazione del nostro Paese perché VIGILINO e si ADOPERINO affinché Telecom Italia pubblichi tempestivamente un’offerta realmente orientata alla migliore pratica europea.


Questo il testo completo della lettera dell’AIIP in merito alla nuova offerta all’ingrosso per la larga banda


Al Presidente del Consiglio Prof. Romano Prodi Al Ministro delle Comunicazioni –on. Paolo Gentiloni Al Ministro per lo Sviluppo Economico – on. Pier Luigi Bersani Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Antonio Di Pietro Al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, On Enrico Letta Ai Parlamentari e ai Senatori d’Italia

Al Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni- Prof Corrado Calabrò Al Presidente dell’Autorità per le Garanzie della Concorrenza nel Mercato –Prof. Antonio Catricalà Al Presidente e al Presidente onorario dell’Associazione Parlamentari amici delle Nuove Tecnologie – on. Grillini e sen. Cossiga Ai Consiglieri di Amministrazione di Telecom Italia Alle Associazioni dei consumatori

Al milione di utenti Internet Italiani che hanno autorizzato l’invio tramite posta elettronica di comunicazioni da parte dei soci AIIP


L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), in data 29 maggio 2007, ha pubblicato la Delibera n. 249/07/CONS che, in attuazione del nuovo quadro regolamentare europeo, disciplina i servizi a larga banda all’ingrosso (cd. “bitstream”) prevedendo l’obbligo di Telecom Italia di formulare una offerta disaggregata ed orientata ai costi.

Il provvedimento stabilisce i criteri che l’operatore dominante dovrà utilizzare per formulare i prezzi all’ingrosso, tra cui

i) allineamento alle migliori pratiche europee in tema di prezzi dei servizi bitstream,

ii) orientamento al costo sulla base della contabilità regolatoria

iii) replicabilità delle offerte di banda larga al consumo di Telecom Italia. Quest’ultima, entro 15 giorni dalla Delibera, deve pubblicare la nuova offerta all’ingrosso conforme a tali criteri.

La corretta e tempestiva applicazione di questa Delibera porterà grandi vantaggi ai consumatori: miglioramento del rapporto prezzo/prestazioni delle offerte a larga banda esistenti, abbattimento del digital divide (grazie all’orientamento degli investimenti in nuove infrastrutture di accesso a larga banda nelle zone oggi prive di copertura, in luogo della duplicazione di reti già esistenti nelle zone “ricche”) e lancio in tutto il territorio Italiano della fornitura di servizi innovativi, ad esempio la televisione interattiva anche da parte degli operatori alternativi.

In difesa di questi obiettivi AIIP ha diffidato Telecom Italia a presentare un’offerta che ottemperi tempestivamente, e senza artificiosi indugi, alle disposizioni richiamate e sia allineata alle migliori condizioni applicate in Europa, evidenziando che ogni ritardo o incongrua applicazione pregiudicherebbe i concorrenti e i consumatori. Le migliori pratiche europee sono state oggetto di un approfondito studio da parte di AIIP, i cui risultati sono pubblicati all’indirizzo www.AIIP.it .

AIIP, è seriamente preoccupata della possibilità che Telecom Italia, come già avvenuto, adotti una tattica dilatoria presentando un’offerta lontana dall’orientamento al costo e dalle migliori condizioni praticate in Europa, al solo fine di sfruttare i tempi richiesti da un intervento dell’Autorità per la modifica dell’offerta.

AIIP si appella alla sensibilità delle istituzioni e di quanti sono interessati al futuro e a all’innovazione del nostro Paese perché VIGILINO e si ADOPERINO affinché Telecom Italia pubblichi tempestivamente un’offerta realmente orientata alla migliore pratica europea.

Lascia una risposta