Ravello, ancora irrisolto il nodo del Comune con la Fondazione

0

L’amministrazione comunale di Ravello non ha raggiunto ancora un’accordo con la Fondazione. Il sindaco Paolo Imperato, nonostante le pressioni fatte negli ultimi giorni, non ha ancora accettato la soluzione proposta di farlo entrare nel consiglio di amministrazione della Fondazione senza azzerare le nomine precedenti. Lo scontro, pare in modo neanche troppo velato, è sul ruolo di Secondo Amalfitano, ex sindaco e capogruppo di opposizione, che si è dimesso dalla Fondazione. “Crediamo che si possa dargli un incarico più prestigioso come quello di Sovrintendente a Villa Rufolo”, dicono dall’amministrazione, “Non possiamo stare sempre a nuove richieste e condizionare la nostra vita futura, abbiamo cercato di risolvere la vicenda della composizione del consiglio della Fondazione cercando di far entrare l’amministrazione in tutti i modi, spero che la cosa abbia soluzione.”, dicono dalla Fondazione. Le posizioni sono rigide e di stallo soprattutto per le grosse divisioni all’interno di maggioranza e minoranza fra il vicesindaco Salvatore De Martino ed il capogruppo di minoranza Secondo Amalfitano reduci da scontri giudiziari con processi ancora in corso. Ferite, non solo politiche, difficili da rimarginare, ma che rimangono al loro interno senza pregiudicare il successo del Festival.