RAVELLO FESTIVAL: 72 GIORNI DI MUSICA E ARTE NEL SEGNO DONNE

0


(NAPOLI, 4 GIU – Sara’ la passione, soprattutto quella delle donne, il tema dominante del Ravello festival di quest’anno: musica, danza, arti visive, e cinema dal 29 giugno all’ 8 settembre. Settantadue giorni di spettacoli sullo sfondo di scenari naturalistici tra i piu’ belli, quelli della cittadina della costiera Amalfitana nota nel mondo. Si rinnova, dunque, con un calendario ricco di eventi e la direzione artistica di Mauro Meli, l’appuntamento con la rassegna musicale che dopo il Maggio fiorentino e’ la seconda piu’ antica d’Italia. ”Un bell’ esempio di sinergia tra pubblico e privato”, ha commentato il presidente della Regione Antonio Bassolino parlando della manifestazione finanziata per circa il 40% con fondi pubblici e per il rimanente 60% con risorse private aprendo inoltre uno squarcio sul futuro del festival che con la realizzazione dell’auditorium disegnato da Oscar Niemeyer, attesa per ottobre dell’anno prossimo, ”puo’ – dice Bassolino – diventare un festival aperto 365 giorni l’anno”. Sara’ un festival all’insegna della passione, soprattutto quella femminile. E infatti sara’ proprio una donna, la giovane direttrice basca Inma Shara, a guidare l’orchestra del Regio di Parma che inaugurera’ la rassegna con un concerto ambientato sul belvedere di Villa Rufolo. ”Ogni settimana sara’ un piccolo festival – ha detto Mauro Meli, in passato direttore della Scala di Milano – infatti rispetto al passato abbiamo evitato di organizzare settimane monotematiche distribuendo meglio gli eventi. Per il futuro stiamo lavorando ad un accordo con il San Carlo per avere la sua orchestra”. Concerti, quello piu’ suggestivo la notte di San Lorenzo all’alba, ma non solo tra i cento eventi in programma: ci saranno le mostre a cura di Achille Bonito Oliva, gli incontri con gli artisti, ne sono annunciati 700, la sezione cinema curata da Lina Wertmuller, le passeggiate musicali. Altre sezioni sono dedicate alla letteratura, alla danza e alla scienza. Tra gli artisti piu’ attesi il cantante jazz Mario Biondi, e il gruppo degli Avion Travel, tra gli scrittori Fernanda Pivano e i finalisti del premio Campiello. E ancora, per il cinema, Chiara Muti e Amanda Sandrelli. Il Ravello festival e’ organizzato dalla Fondazione Ravello in collaborazione con cinque soci pubblici e uno privato (la fondazione Monte dei Paschi). Il budget della manifestazione e’ di 2 milioni e 300 mila euro. ”Un esempio – ha sottolineato il direttore della fondazione Ravello Domenico De Masi – di come si possano intrecciare bei culturali e turismo per lo sviluppo del territorio”. Anche il critico Bonito Oliva ha esaltato il festival definito ”tematico, transnazionale e multidisciplinare” in attesa che il completamento dell’auditorium doti Ravello di ”una cattedrale contemporanea”. ”Un grande evento che ci consente un ottimo ritorno di immagine e di turisti, in linea con il trend dei primi mesi del 2007 – ha commentato l’assessore regionale al Turismo Marco Di Lello -. Ora attendiamo l’auditorium per fare di Ravello un festival che duri tutto l’anno”. (ANSA).