Positano Sirenuse in festa per gli 80 anni di Franco Sersale

0

Franco Sersale, patriarca e fondatore de Le Sirenuse, festeggia i suoi 80 anni e per tre giorni l’albergo è riservato agli invitati. Le Sirenuse fa parte della storia del turismo italiano, il primo grande albergo di lusso di Positano, hotel già dagli anni Cinquanta, all’epoca di Steinbeck, e oggi fra i migliori al mondo. L’Albergo appartenente alla famiglia dei Marchesi Sersale sin dal 1951. Dimora estiva della famiglia Sersale, trasferitasi da Napoli a Positano durante i bombardamenti della II Guerra Mondiale, Le Sirenuse e’ uno splendido palazzo del 18° secolo trasformato oggi in lussuoso Hotel.


Le Sirenuse deriva il suo nome dalle Isole delle Sirene incontrate da Ulisse durante il suo mitico viaggio. Le Sirene stupende creature il cui canto costrinse Ulisse ed i suoi a legarsi all’albero maestro per non essere trascinati via da cosi’ amalianti e soavi melodie.

Da ogni parte dell’Hotel e’ possibile scorgere tali mitiche isole, che ancora oggi riecheggiano quegli antichi suoni.

Da sempre, Le Sirenuse continua ad affascinare i suoi clienti per la sua magica ambientazione e per l’alta professionalità del suo staff. Le 105 persone che formano oggi lo staff dell’Hotel sono pronte a fornire il massimo livello di servizio, facendo sentire i clienti a casa propria ancorché in un Hotel di gran lusso. Creare un’atmosfera conviviale e’ l’intento della famiglia Sersale: tutti i clienti de Le Sirenuse devono sentirsi a perfetto agio durante il loro soggiorno.

La maggior parte degli arredi, dei dipinti e dei pezzi di antiquariato dell’ Hotel appartengono al patrimonio della famiglia Sersale. Ogni membro della famiglia ricopre un ruolo ben preciso nella gestione dell’Albergo.

Franco Sersale, patriarca e fondatore de Le Sirenuse, cura la parte architettonica ed il design. Il figlio Antonio, dopo aver effettuato gli studi presso la prestigiosa scuola di International Hotel Management di Losanna, ha assunto il ruolo di Direttore. La Marchesa Anna Sersale, zia di Antonio, cura le relazioni esterne e Carla Sersale, moglie di Antonio, gestisce il catalogo sulla vendita online dei prodotti dell’ Emporio. Giulia Sersale, cugina di Antonio, trasferitasi a Positano da cinque anni, si occupa della cura dell’ala esterna dell’Hotel.

L’ architettura dell’ Hotel e’ fortemente influenzata dallo stile Moresco, con i suoi soffitti a volta e le grandi arcate che conducono alle terrazze a strapiombo sul mare.

La struttura alberghiera de Le Sirenuse si compone di tre differenti aree. Una centrale che risale al 18° secolo, un’altra costruita nel 1951 dal Marchese Aldo Sersale ed una terza parte piu’ lontana dal corpo centrale dell’ Hotel.
Le Sirenuse e’ oggi oramai un moderno Hotel dotato di ogni comfort: piscina, SPA, stanze con apparecchi DVD e mille altre comodità. La sola cosa rimasta immuntata nell’arco degli anni e’ l’amosfera di simpatica ed estrema professionalità con cui Le Sirenuse accoglie oggi, come allora i suoi clienti.

Dalla sua creazione fino ad oggi, l’Hotel ha avuto il piacere di ospitare numerosi ospiti illustri fra cui ricordiamo con piacere: Paloma Picasso; l’attore Danny De Vito; il gruppo degli U2; lo scrittore John Steinbeck; l’attrice Elisabeth Taylor; la Principessa Margaret d’ Inghilterra e la top-model Naomi Campbell (affezionata cliente della SPA dell’ Albergo). L’ Hotel è stato, inoltre, lo scenario priviliegiato del film ‘Only You’ con Robert Downey Jr e Marisa Tomei.

Dal 1970, Le Sirenuse fà parte del circuito Leading Hotels of t World ed e’ stato reputato Best European Hotel Service di Travel and Leisure nel 2001; Best European Hotel di Travel and Leisure nel 1999 e 2000; Gold List di Condé Nast Traveller nel 1999 e 2000.


‘…Andammo a Le Sirenuse, una vecchia casa padronale trasformata in Albergo di prim’ordine, immacolato e fresco, con una pergola sopra i tavoli all’aperto. Ogni stanza ha il suo piccolo balcone e spazia sul mare azzurro fino alle isole delle Sirene, dove quelle Signore cantavano cosi’ dolcemente…’

John STEINBECK, illustre cliente de Le Sirenuse, cosi’ scrisse nell’Harper’s Bazar Magazine del 1953
(notizie riprese dal sito dell’albergo)


Gli auguri di Giulia Sersale


Io vivo a Positano da 10 anni  e mi occupo del Verde in Albergo, insieme alla bravissima paesaggista Isabella Casali di Ponticelli nonché agli attentissimi  giardinieri Nello Trapanii e Peppe Pollio e Francesco di Verdeidea.


Mi occupo inoltre di Pubbliche Relazioni  e Marketing di  altissimo livello, un bellissimo lavoro svolto dalla nostra Famiglia Sersale.


 Franco Sersale è un uomo coltissimo ed incredibilmente interessante, ha vissuto in Persia per sette anni dove ha lavorato come Ingegnere.


Ha lavorato e viaggiato moltissimo in tutto il mondo.


Nel  suo tempo libero ha conosciuto moltissimi posti, incontrato tantissime persone e scattato delle bellissime fotografie in bianco e nero che sono i suoi preziosi documenti di viaggio.


Abbiamo recentemente visto una splendida rassegna di fotografie di Franco Sersale in Roma al  numero 4 di Via della Vetrina, le mostra era intitolata “Buzkashi 1976” e vi riporto l’ introduzione  esattamente come l’ha scritta Franco Sersale:



 “Un fotografo non si separa mai dalla sua macchina fotografica. Io non sono un fotografo perché porto con me la macchina fotografica solo quando viaggio in terre lontane.


Pertanto considero le mie fotografie come semplici documenti di viaggio; l’unica mia speranza è che esse siano di qualità migliore di quelle scattate da un comune viaggiatore.”



In questi giorni, alla festa di Franco Sersale a Le Sirenuse, abbiamo visto e conosciuto il Gotha del Bel Mondo Internazionale della Cultura e della Finanza, erano presenti moltissime persone interessantissime, coltissime ed elegantissime come a Positano non se ne vedevano da anni.



La mia fortissima speranza è che queste meravigliose persone tornino sempre a trovarci e che insieme a loro ne arrivino tantissime altre.



Un “Grazie di cuore” a mio Zio, Franco Sersale.



Giulia


 


Giulia Sersale


Albergo Le Sirenuse


Positano, Italia



 

Lascia una risposta