Amalfi al via il restyling per il porto

0


MARIO AMODIO Amalfi. Si accorciano i tempi per la riqualificazione dell’area portuale di Amalfi. La commissione esaminatrice delle proposte progettuali per il waterfront e il completamento del porto turistico ha chiuso in questi giorni il tavolo di valutazione. E tra le due offerte pervenute, pare sia stata ritenuta più vantaggiosa quella presentata dall’associazione temporanea di impresa che ha come capofila mandataria la Sacaim di Venezia, l’azienda che sta conducendo la realizzazione del garage Luna Rossa. L’incarico, salvo eventuali sorprese, dovrà essere formalizzato dalla giunta regionale, mentre l’intera documentazione (è compresa anche l’altra proposta progettuale presentata dalla Sled) è stata trasmessa al coordinamento regionale per la portualità. Il compito della commissione (tre i membri in rappresentanza della Regione e due del Comune) si esaurisce così ad un anno esatto dall’accordo di programma per la riqualificazione dell’area portuale di Amalfi siglato nel gennaio del 2006 dall’assessore ai trasporti Ennio Cascetta e dal sindaco Antonio De Luca, i quali, con la stipula dell’intesa, diedero il via libera alla procedura del project financing. Il progetto, per un totale di 23 milioni di euro, due dei quali provenienti da fondi regionali, fu avviato con la firma del protocollo d’intesa che non trovò d’accordo gli operatori portuali i quali si schierarono contro l’intervento presentando ricorso al Tar di Salerno per opporsi alla riqualificazione dello scalo turistico di Amalfi. L’intervento di riqualificazione dell’area portuale di Amalfi, il cui studio di fattibilità fu realizzato nel 2003 dal professor Uberto Siola, finì nel giugno del 2005 nell’occhio del ciclone quando fu inscenata una singolare protesta con l’apposizione di uno striscione lungo il porto proprio nel giorno della regata storica. Da Il Mattino

Lascia una risposta