Positano – Ufficio Postale inefficiente

0

Riceviamo e pubblichiamo.


Positano 7 marzo “1807”


Lo spettacolo a cui purtroppo stiamo assistendo in questi giorni all’Ufficio Postale di Positano è da quarto mondo.
In un paese turistico e civile come Positano sono scene che non si dovrebbero mai verificare. Dopo venti minuti di fila trovarsi davanti all’unico sportello funzionante da cassa e sentirsi dire che i soldi non erano ancora arrivati è deprimente! Alle mie rimostranze il direttore dell’ufficio mi affermò che siccome non vi era un caveau i soldi sarebbero dovuti arrivare con la diligenza, questo si è verificato alle ore 10.00 del 27 Febbraio 2007 e non 1807 in un paese turistico e non nel far West. Bastava esporre un cartello informando i malcapitati che la diligenza non era ancora arrivata quindi potevano andare a farsi friggere. Com’è possibile che su quattro sportelli solo due sono funzionati con circa 350 pagamenti di disoccupazione da evadere? E  non parliamo della riscossione delle pensioni! Com’è possibile che questa piaga non può essere curata? Perché le istituzioni latitano? Perché in quell’ufficio i giovani di Positano non hanno diritto di lavorarci se c’è bisogno di coprire gli sportelli vuoti? Perché l’ufficio postale non rimane aperto anche di pomeriggio come nelle altre cittadine come Sorrento, Piano, Meta, Vico. Perché le file?


Perché il Comune non interviene?


In attesa di improbabili risposte saluto cordialmente.


Ciro Buonocore