ERUZIONE A STROMBOLI, SCATTA L´ALLARME MA SENZA PAURA

0

MESSINA – La sirena suona per le piccole vie disegnate sulla pietra nera di Stromboli: all’inizio i pochi abitanti presenti sull’isola pensano a una riedizione dell’esercitazione del 2005, della quale non erano stati informati. Ma questa volta l’allarme è reale. Pochi momenti di sorpresa e poi, con calma, la gente si sposta sulla collina, oltre le linee di “sicurezza” tracciate dalla Protezione civile, mentre nel cielo sono visibili le colonne di fumo dell’eruzione e quella di vapore sprigionata dal contatto tra la lava incandescente, che fuoriesce da una frattura a 600 metri, e l’acqua del mare.

A Stromboli c’è l’eruzione, ma la situazione resta “sotto controllo” anche se un po’ di preoccupazione c’è. “Non è escluso che si stacchi una frana imponente, che potrebbe generare piccoli effetti tsunami – ammette il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso – ma si tratterebbe comunque di un fenomeno inferiore a quello del 2002”. In quell’occasione, il giorno prima di capodanno, si staccarono 25 milioni di metri cubi di lava e roccia, questa volta al massimo potrebbero essere 10 milioni. Dunque, aggiunge, “non c’è alcun motivo di immaginare un’evacuazione dell’isola”.

E d’altronde gli abitanti sono abituati a convivere con il vulcano, dalle ‘bizze’ particolari, e scrutano attenti il mare: il pericolo potrebbe appunto arrivare da un’onda anomala, come quella che la notte del 30 dicembre del 2002, generata dal crollo di un edificio lavico grande quanto un palazzo di trenta piani, flagellò la piccola isola. Ma l’acqua è mossa e nient’altro. Vista così Stromboli sembra vivere una giornata di ‘letargo’ in cui cade abitualmente in inverno, con meno di 500 persone che restano sull’isola. Che ci sia qualcosa di diverso si capisce dal movimento che all’improvviso si crea sull’isola, con l’atterraggio di diversi elicotteri e anche dal traghetto della Siremar che resta al largo, per precauzione.

 “Siamo sereni” dice Gianluca Giuffré, uno degli abitanti della piccola frazione di Ginostra. Che spiega: “Nel 2002 eravamo impreparati, adesso ci sentiamo protetti dal sistema di monitoraggio realizzato dalla Protezione civile”. “La sensazione di allarme c’è – aggiunge – è inutile negarlo, ma non di paura. Viviamo con una certa serenità quello che sta accadendo, sapendo di non correre pericoli personali”. Opinione condivisa dal sindaco di Lipari, Mariano Bruno, Comune del quale Stromboli è una frazione. ‘L’ aumento dell’ attività esplosiva del vulcano – spiega il sindaco – ha fatto scattare a Stromboli il piano di emergenza ed è per questo che la popolazione dell’isola è stata invitata ad allontanarsi dalla linea di costa, ma non c’è nulla di allarmante. Il piano di emergenza – sottolinea Bruno – ha funzionato bene e tutto sta avvenendo secondo le regole. Non c’è alcuna paura e le operazioni di emergenza si sono svolte con grande serenità” .

 Intanto gli abitanti che hanno la casa in riva al mare si attrezzano a passare la notte ospiti di amici o parenti le cui abitazioni sono nella zona di ‘sicurezza’, sopra i dieci metri dalla costa. A Lipari la situazione si segue con maggiore ‘distacco’ vista la lontananza da Stromboli, mentre Panarea è stata ‘invasa’ da cenere lavica ma soprattutto il cielo è stato oscurato dalla nube di fumo emessa dal vulcano e di vapore acqueo. L’allarme, a scopo precauzionale, ha interessato anche la costa nord della Sicilia, con due petroliere che sono state fatte allontanare dal porto di Milazzo.

 Sul posto arrivano anche le squadre dei vigili del fuoco con un elicottero da Catania: sono quelli della sezione speleo alpino fluviale che con gli esperti trascorreranno la notte sulla cima del vulcano per seguire lo Stromboli il più da vicino possibile. Domani sull’isola arriveranno il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, il direttore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Enzo Boschi e il presidente vicario della Commissione grandi rischi Franco Barberi per un sopralluogo e per capire quali decisioni operative prendere se l’attività dovesse proseguire nei prossimi giorni.














LINK UTILI
Le notizie dall’Italia
 
ALTRE FOTO











VULCANI:STROMBOLI;APERTE 2 BOCCHE, COLATE LAVICHE VERSO MARE STROMBOLI: ELICOTTERO E NAVE VIGILI DEL FUOCO SUL POSTO
WWW.ANSA.IT


                                                                 Michele De Lucia