Maiori no ai tonni dell´assessore regionale Nocera la Costiera Amalfitana non si tocca

0

MAIORI = Un nuovo no all’istallazione delle gabbie per la stabulazione dei tonni nel mare prospiciente Cetara. Il pollice verso è stato ribadito dall’assessore regionale all’Ambiente Luigi Nocera, che ha comunicato nuovamente la sua posizione, netta e definitiva,  al tavolo di concertazione che è stato riunito a Napoli. Un summit che era stato promesso e che, puntualmente, si è tenuto. All’incontro hanno partecipato i sindaci di Maiori e Cetara, Stefano Della Pietra e Secondo Squizzato, l’assessore provinciale Angelo Palladino, il presidente del Parco Monti Lattari, Anna Savarese, e Raffaella Di Leo, in rappresentanza delle associazioni ambientaliste. E l’assessore regionale, come confermato già nel corso del convegno organizzato, all’inizio del mese, da Italia Nostra, Greenpeace e Wwf, con il patrocino dell’Amministrazione comunale di Maiori, ha puntualizzato nuovamente  il suo punto di vista. E, cioè, che nel mare della Divina è  inconcepibile immaginare un allevamento di pesce azzurro. Anche se Nocera ha sottolineato come si devono studiare soluzioni alternative per sostenere il comparto tonniero. Insomma un nuovo punto a favore di chi contesta il progetto che, invece, è stato fortemente “sponsorizzato” dall’Amministrazione comunale di Cetara. Un progetto, votato all’unanimità dal consiglio comunale del caratteristico paese del comprensorio amalfitano che prevede tre concessioni di  circa cinquanta mila metri quadrati l’una, per tenere all’ingrasso, per quattro mesi, i tonni pescati e rivenderli ai compratori. L’idea, tuttavia, è stata osteggiata da diversi comuni della Divina e dagli albergatori che temono che un impianto del genere alteri l’ecosistema marino e, di conseguenza, possa avere ricadute negative sul turismo che resta la principale fonte di reddito per la Costiera.  (g.d.s.)