Sorrento intervento al Monastero di San Renato per mille loculi

0












Intervento al monastero di San Renato. Quasi duemila le domande

MASSIMILIANO D’ESPOSITO Sorrento. Si ricorrerà alla formula del project-financing per garantire la realizzazione di ulteriori mille loculi al cimitero di Sorrento. Da ieri, intanto, sono in corso di assegnazione le 240 nicchie della struttura già appaltata. «Abbiamo ricevuto due offerte da parte di imprese che si candidano di affiancare il Comune nella realizzazione di un nuovo nicchiario al cimitero». Il sindaco di SORRENTO Marco Fiorentino illustra così la principale novità che caratterizza il progetto in base al quale si prevede la trasformazione dell’ex monastero di San Renato, che sorge in prossimità dell’area cimiteriale, per ottenere mille loculi. Saranno, dunque, capitali privati affiancati a risorse pubbliche a garantire la realizzazione delle nuove nicchie cimiteriali. A SORRENTO sono ben 1.900 le domande di assegnazione di nicchie presentate al Comune. Anche considerando le quasi duecentocinquanta attualmente già in fase di realizzazione, ne mancano, comunque, almeno altre milleseicento. Da ieri, intanto, per chi è iscritto in graduatoria, è possibile prenotare i 240 loculi che saranno realizzati nella parte a monte del cimitero, quella di più recente realizzazione. Ad essere convocati presso l’ufficio tecnico del Comune per far valere il loro diritto di prelazione e prenotare le nicchie, al momento sono gli iscritti nei primi posti della graduatoria stilata nel 1993 ed integrata nel 1998. «Dal momento in cui si riceve la lettera di convocazione – si precisa nel disciplinare -, gli assegnatari hanno quindici giorni di tempo per far valere il loro diritto prenotando i loculi». In caso di mancato riscontro gli uffici comunali procederanno ad ulteriori convocazioni, sempre in base alla graduatoria, fino a completare l’assegnazione. Se i destinatari sono nel frattempo deceduti, il diritto di priorità passa agli eredi a patto che il loculo venga destinato ad ospitare i resti di chi aveva presentato l’istanza originaria. Nel caso in cui, inoltre, esistano più domande presentate da componenti lo stesso nucleo familiare, si procederà all’assegnazione di un unico loculo. Per le nicchie attualmente in fase di assegnazione sono previste sette diverse tipologie, diversificate in base alla volumetria. Il loro costo varia tra i 3mila e i 6mila e 800 euro. Il pagamento delle nicchie deve avvenire in sei tranche di pari importo, la prima delle quali da versare all’atto della prenotazione e l’ultima alla consegna. Il progetto dei nuovi loculi è stato interamente elaborato dall’ufficio tecnico comunale con l’architetto Paola Gargiulo e sotto la supervisione del dirigente del dipartimento, ingegner Guido Imperato. Per il completamento delle opere i tempi saranno abbastanza rapidi ed entro la fine dell’anno si prevede si consegnare i loculi agli assegnatari. «Questa è una prima risposta per dare serenità a quanti aspettano da anni di ottenere uno spazio dove dare degna sepoltura ai propri cari – spiega il sindaco Fiorentino -. Al momento, nell’assegnazione dei primi duecentoquaranta loculi, verranno privilegiati quanti risultano ai primi posti della graduatoria preesistente».
Il Mattino