SCARAMELLA RICOVERATO IN OSPEDALE, E´ CONTAMINATO DA POLONIO 210

0






















LONDRA – Il consulente della Commissione Mitrokhin Mario Scaramella è stato ricoverato in un ospedale britannico per accertamenti dopo che nelle sue urine sono state trovate tracce di polonio 210, una sostanza radioattiva, la stessa che ha ucciso l’ex spia russa Litvinenko. Scaramella “sta attualmente bene” e non manifesta “sintomi di radioattività” malgrado la presenza di polonio 210, ha annunciato in serata l’University College Hospital di Londra dove l’ex-consulente della Mitrokhin è stato ricoverato. Un portavoce dell’ospedale ha sottolineato che Scaramella ha in corpo una quantità di polonio 210 molto inferiore a quella che è stata trovata sul defunto Aleksandr Litvinenko. Scaramella rimarrà all’University College Hospital (dove il 23 novembre è deceduto il suo ‘contatto’ Litvinenko) durante il week-end per il prosieguo degli esami clinici e ha chiesto ai giornalisti il rispetto della sua privacy.

L’Agenzia britannica per la Protezione della Salute assicura ancora una volta che non c’è ragione di allarme (“il rischio di essere stati esposti a quella sostanza radioattiva rimane basso”) e rivolge un invito a tutti quanti sono stati al ristorante giapponese Itsu di Piccadilly o nel bar e nel ristorante dell’albergo Millennium il 1 novembre perché contattino senza indugi una speciale linea telefonica del servizio sanitario nazionale.

COMPAGNA SCARAMELLA DA NAPOLI A LONDRA PER TEST La compagna di Mario Scaramella è partita per Londra, per sottoporsi ai test clinici che accerteranno se sia stata a sua volta contaminata dalle radiazioni. La donna vive a Napoli con Scaramella.

SENATO VERIFICA EVENTUALE PRESENZA POLONIO 210 Il Senato ha già attivato le procedure per un’immediata verifica dell’eventuale presenza di agenti contaminanti nella sala di Palazzo Madama dove il 21 novembre si è svolta la conferenza stampa dell’ex presidente della commissione Mitrokhin Paolo Guzzanti alla quale era presente il signor Mario Scaramella.

MINISTERO: ALLO STATO NESSUN RISCHIO PER LA SALUTE
Si è appena conclusa al Ministero della salute la riunione degli esperti convocata d’urgenza dopo la notizia del ritrovamento di tracce di polonio 210 nelle urine di Mario Scaramella. Allo stato, hanno spiegato gli esperti subito dopo la riunione, non esistono elementi per ipotizzare pericoli di alcune genere per la salute pubblica. Il Ministero dela Salute è in contatto costante con le autorità britanniche per seguire gli eventuali sviluppi.

TEST NELL’HOTEL DI SCARAMELLA Test per individuare tracce di polonio 210 sono stati effettuati nel tardo pomeriggio di oggi nell’Ashdown Park Hotel in Sussex (est di Londra), dove Mario Scaramella si trovava quando è stato raggiunto dalla notizia che anche lui risultava contaminato.                  Secondo la tv di notizie Sky News britannica l’albergo ha ripreso a funzionare a pieno dopo che una parte era stata isolata per qualche ore a causa dei controlli di radioattività.

CONTAMINATO ANCHE UN FAMILIARE DI LITVINENKO Un componente “adulto” della famiglia dell’ex spia russa Alexandr Litvinenko è stato contaminato dal polonio 210 ad un livello giudicato “non sufficentemente importante per sviluppare una malattia a breve termine”. Lo ha annunciato un comunicato dell’Agenzia britannica per la tutela della salute pubblica.

FRATELLO DI LITVINENKO, MIA COGNATA CONTAMINATA
“Ho sentito mia cognata Marina dieci minuti fa: è risultata contaminata dal polonio 210 ma in una dose minima, e non è grave. Non corre pericolo di vita. Il test sul mio nipotino invece è negativo, mentre per quanto riguarda mio padre credo che le analisi non siano ancora pronte”. Rompe il silenzio, ma solo per poche battute al telefono, Maxim Litvinenko, in fratello ventiquattrenne dell’ ex spia.







HomeBackStampaInvia
 
ASSOCIATE
IL CNR, POLONIO KILLER A BASSE DOSI
 
ALTRE FOTO











GB: EX SPIA RUSSA, DA SCARAMELLA EMAIL SU PIANI AGENTI RUSSI. GUARDIAN, IN MIRINO DEI SERVIZI ANCHE SCARAMELLA E GUZZANTIGB: EX SPIA RUSSA, DA SCARAMELLA EMAIL SU PIANI AGENTI RUSSI. GUARDIAN, IN MIRINO DEI SERVIZI ANCHE SCARAMELLA E GUZZANTI

www.ansa.it


                                                                  Michele De Lucia

Lascia una risposta