L’opera pianistica di Nicolò Castiglioni all’Autunno Musicale.

0

A dieci anni dalla scomparsa, Autunno Musicale di Caserta propone – giovedì 30 novembre 2006, ore 19.30, al Museo Campano di Capua –  un’interessante retrospettiva sul pianismo di Niccolò Castiglioni, riproposto integralmente da Enrico Pompili. Saranno eseguiti “Inizio di movimento” (1958); “Cangianti” (1959); “Tre Pezzi” (1978); “Come io passo l’estate” (1983); “Dulce Refrigerium – Sechs geistliche Lieder fur Klavier” (1984); Sonatina (1984); “He” (1990); Preludio, corale e fuga (1994). Studiosi come Renzo Crespi affermano che l’Autore abbia avuto poca considerazione dalla critica musicale e dagli ambienti accademici eppure fu il primo a volgere la prassi strutturalista assimilata alla scuola di Darmstad che ebbe modo di frequentare verso modalità più libere da schemi e ideologie culturali realizzando un personalissimo recupero della tonalità attraverso l’originale sperimentalismo che contraddistinse la sua esperienza compositiva. Una sintesi originale ed ispirata che si avvalse, avendo insegnato dal ’66 al 70 in università americane, della conoscenza diretta di John Cage. Nella sua musica si può rilevare l’attenzione e l’influenza derivata da Debussy, Stravinsky e Webern. Ma ciò che è determinante per la sua cifra musicale  afferma Crescpi: “E’ la personalissima capacità di stupirsi propria di un bambino, di poter meravigliare con i suoni comunicando un inesauribile mondo fantastico ed una gioia popolana”.


Profondo conoscitore della filosofia e della cultura medievale e sensibile al grande spettacolo della natura, dal punto di vista della forma ciò si traduce in un’attitudine alla miniatura che rimanda al fantasmagorico gioco di colori delle vetrate delle cattedrali gotiche.


Crespi segnala, in conclusione: “Il particolare assume carattere simbolico e diviene centro contribuendo all’incanto e allo stupore”. Attento alla materia musicale, ad elementi fondamentali quali timbro e ritmo nel quale è compresa anche una sapiente e coerente utilizzazione della pausa, Castiglioni riesce ad esprimere, nei suoi ultimi lavori per pianoforte, una semplicità deliberata e sofisticata, quasi astratta.


Da non perdere.


 


Maurizio Vitiello


 


Info:


Contributo – Ministero per i Beni e le Attività Culturali –  Regione Campania  / Presidenza della Giunta Assessorato al Turismo  / Comune di Capua; Collaborazioni  Amministrazione Provinciale di Caserta / Museo Campano – Capuanova Cooperativa Culturale; Segreteria dell’Autunno Musicale  Tel 0823 361801 – autunnomusicalecaserta@virgilio.it; CONSULTA IL PROGRAMMA ONLINE  http://autunnomusicale.altervista.org; Biglietti interi 4,00 Ridotti 2,00.