Sorrento nasce la Fondazione

0

ANTONINO SINISCALCHI Sorrento. Sarà una fondazione, che porterà il nome della città, a promuovere l’immagine e le risorse della costiera. Il nuovo organismo, costituito con l’apporto di risorse pubbliche e private, sarà presieduto dall’armatore Gianluigi Aponte, 66 anni, sorrentino d’orgine, armatore che vive a Ginevra e proprietario per numero di navi e business della seconda flotta al mondo. Nel suo impero economico spicca il marchio «Msc» sia per le navi da crociera che per quelle mercantili. Anche vivendo lontano, Aponte ha mantenuto saldi rapporti con la sua terra: di qui la scelta di legare la nuova associazione a un nome prestigioso dell’imprenditoria internazionale. Il sindaco Marco Fiorentino ha annunciato la nascita della Fondazione Sorrento, sottolineando le potenzialità dell’iniziativa, finalizzata alla valorizzazione della cultura, dell’arte, del patrimonio storico, artistico e ambientale. L’obiettivo è di promuovere eventi e manifestazioni di marketing territoriale valorizzare tradizioni e attività folcloristiche, prodotti tipici locali e turismo enogastronomico. La sede: villa Fiorentino, sul corso Italia. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico dell’iniziativa, il Comune di Sorrento assume i ruoli di fondatore e promotore. All’ente, tuttavia, potranno confluire, a vario titolo (come promotori, partecipanti esteri o amici della fondazione), tutti i soggetti che, di volta in volta, contribuiranno con apporti di beni o risorse economiche. La gestione della Fondazione Sorrento è affidata, invece, a un consiglio d’indirizzo composto da sette membri (quattro scelti dal sindaco e i restanti dagli altri soci) che resterà in carica quattro anni. A sua volta, il consiglio nomina un direttore, un consigliere delegato all’amministrazione dell’ente, i componenti dell’advisory board ed il revisore dei conti. A Sorrento le attività legate all’immagine della città, quindi, filtreranno attraverso il nuovo organismo gestionale. Un’occasione ulteriore di sviluppo per un territorio, come la costiera sorrentina, che ha investito in turismo e mare.