Cantando in crociera. Esibizioni di Maria Collina, Ilaria Iaquinta e Gianluca Fronda

0



 



Maria Collina, di Positano, con Ilaria Iaquinta, di Napoli, e Gianluca Fronda, di Salerno, canterà in alcuni concerti, di livello internazionale, organizzati sulla nave MSC Armonia nelle soste del viaggio tra Genova, Barcellona, Casablanca, Tenerife, Madeira, Cadiz e Malaga.


 


Ecco i profili dei bravi artisti:


 


Maria Collina, soprano, ha compiuto i suoi studi al Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli, diplomandosi brillantemente sotto la guida del M°T. Quagliarella-Marchetti. Ha inoltre seguito corsi di perfezionamento con i maestri E. Battaglia  ( Mozarteum di Salisburgo, Teatro V. Bellini di Catania, Accademia Musicale Pescarese, Accademia “H. Wolf” di Acquasparta), I. Gage (“Amici della Musica” di Firenze), A. Florio (Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli), R.Invernizzi ( Centro di Musica Antica di Napoli ) e M.Laurenza. Ha frequentato inoltre i corsi di base e avanzato dell’Elaboratorio permanente dell’attore presso il “Thèatre de poche” diretto da Lucio Allocca a Napoli. Svolge un’intensa attività concertistica in  collaborazione con ensembles quali “La Cappella della Pietà dei Turchini” (con cui ha inciso, per la  “Opus111”, “Le zite ‘ngalera” di L. Vinci), “Nuova Orchestra Scarlatti”, “I solisti del Teatro San Carlo”, “PosiMuse Ensamble”, “Trio Maurilya” nell’ambito di manifestazioni e stagioni prestigiose (Autunno Musicale del Teatro San Carlo, Festival Barocco e…, Venerdì Musicali del Conservatorio San Pietro a Majella, Università degli Studi “Federico II”, Maggio dei Monumenti, Goethe Institut, Istituto di cultura francese “Grénoble” di Napoli – dove ha  eseguito in prima assoluta tre canzoni su testo di A. Dumas, nell’ambito di Un convegno internazionale a lui dedicato nel duecentenario della nascita – Teatro di Corte del Palazzo Reale di Napoli Amici dell’Opera di Pistoia, “Tivoli Classica” a Villa D’Este , Villa Walton a Ischia, I Concerti di Villa Rufolo a Ravello, Teatro di Corte della Reggia di Caserta, ”Serate musicali al Borgo Case Nuove” a Marsico Nuovo… ). E’ stata inoltre invitata a cantare per il presidente C. A. Ciampi in occasione di una sua visita a Napoli. Recentemente ha tenuto un récital dedicato all’integrale delle Mélodies di C.Chaminade – in prima nazionale – al Teatro “A. Rendano” di Cosenza. La sua particolare vocalità, unita ad una viva curiosità musicale le permette di affrontare con passione – e consenso da parte del pubblico – un repertorio che spazia dal Barocco al Novecento, fino alla Commedia musicale, al musical  e a qualche incursione nel repertorio jazz.


Fra le sue esperienze teatrali – musicale e non:


“Dedicato a Giulia di Caro” di R. De Simone (Teatro Comunale di Benevento, Teatro G. Verdi di Salerno), “I Pittagorici” di G. Paisiello (Festival dell’Aurora a Crotone), “La visita meravigliosa” di N. Rota (Teatro dell’Aquila di Fermo), “Festa a Ballo” di A. Florio (Cappella della Pietà dei Turchini, Napoli), “Soirée Tardieu” di L. Allocca (Istituto Grénoble, Théatre de Poche a Napoli)


“Come il sig. Mockimpott è liberato dal dolore” di P. Weiss, ( Accademia delle Belle Arti, Napoli; Galleria Toledo, Napoli), “La solita cena” di M.Santanelli (Théatre de Poche, Napoli), “La buffa Historia di Capitan Fracassa” di D. Galdieri con musiche curate da R. De Simone (Spring Festival of Shizuoka in Giappone, “Teatri di Pietra” nei siti archeologici campani). Pronuncia correttamente e canta in lingua francese, tedesca, inglese, portoghese e spagnola.


 


 


Ilaria Iaquinta, soprano, ha studiato canto lirico presso il Conservatorio di Napoli “San Pietro a Majella”. Si è diplomata nel luglio 2002. Ha inoltre seguito diversi corsi di perfezionamento con i Maestri: Mirella Freni, Elio Battaglia, Pierre Thirion-Vallet. Da diversi anni approfondisce lo studio cameristico con il  Antonio Florio. Si è più volte esibita presso il Centro di musica antica  Pietà dei Turchini” eseguendo repertorio cameristico francese e tedesco. Nel 2002 ha vinto il 1° premio al concorso Don Matteo Colucci città di Fasano nella categoria  “Musica da camera”, il 2° premio  al Concorso Napolinova. Nel 2004 è stata tra i vincitori del Concorso lirico “Francesco Albanese”. Ha inciso un brano inserito nella collana cd dell’ “Enciclopedia italiana dei compositori contemporanei” (ed. Pagano).  Svolge un’intensa attività concertistica. Ha cantato, tra l’altro, presso la Sala Scarlatti del Conservatorio di Napoli, al “Festival di Ravello, alla rassegna “Concerti di primavera” presso la Chiesa luterana, a manifestazioni della Provincia e del Comune di Napoli, alla “Festa della musica” di Fiesole. Nel 2004 ha interpretato il ruolo di Agata nell’Opera Buffa “Le Cantatrici Villane” di V. Fioravanti al Teatro Savoia di Campobasso. Nello stesso anno è stata la protagonista dell’Opera buffa “La Locandiera”di P. Auletta diretta dal M° Emanuela Di Pietro, nell’ambito delle manifestazioni musicali della Valle Caudina. Nel 2005 ha eseguito, in prima assoluta a Napoli, liriche della compositrice Matilde Capuis, nella Chiesa Evangelica Luterana. Sempre presso la Chiesa Luterana si è esibita per la rassegna musicale “Concerti di primavera” eseguendo repertorio di operetta e musical. Nel 2006 ha eseguito il Gloria di Vivaldi nella Chiesa di Santa Maria del Popolo di Roma, nella Chiesa di San Sisto a Piacenza (Rassegna Farnesiana) e nella Chiesa di SS. Marcellino e Festo di Napoli  per l’Associazione Scarlatti. Ha partecipato, come corista, a numerose esibizioni in campo internazionale tra cui: l’opera “Carmen” di Bizet presso lo “Stadttheater di  Monaco di Baviera, Concerto di Natale a Colonia presso la “Kolner Philarmonie” e al “Festival di Saint Denis” a Parigi. Nel 2000  ha partecipato all’Opera-film in mondovisione “Traviata a Paris” con la direzione di Zubin Metha e la regia di Giuseppe Patroni Griffi. Ha collaborato con il Teatro Rendano di Cosenza e  il Teatro Verdi di Trieste. Recentemente ha vinto l’audizione per artista del coro alla Fondazione Teatro la Fenice di Venezia.


 


 


Gianluca Fronda, pianista, è nato il 12 ottobre 1977 a Salerno. Seguito dal M° Antonio Porpora Anastasio consegue il Diploma in pianoforte presso il Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli. Nello stesso Conservatorio per quattro anni segue i corsi di composizione tenuti dal M° L. Tomei e prende parte a rassegne e seminari in Sala Scarlatti. Ha inoltre seguito un corso di composizione e tecnica di improvvisazione tenuto dal M° Günter Buchwald (le sue esecuzioni sono state trasmesse da RAI INTERNATIONAL). La sua preparazione eclettica, unita alla sua curiosità intellettuale e musicale lo hanno spinto a dedicarsi e ad approfondire non solo il repertorio “classico”, ma anche la musica sacra, la musica popolare e quella “leggera”. Ha partecipato a svariate rassegne musicali in Italia e all’estero. Si è esibito al Teatro G. Verdi di Salerno, alla Sala Scarlatti del Conservatorio di Napoli, a Ravello, ad Amalfi, a Sorrento,  a Tivoli – nella meravigliosa cornice di Villa D’Este –  e in Austria, dove ha suonato per la notte di San Silvestro 2004. Ha inoltre eseguito sue composizioni dal vivo in trasmissioni televisive per RAI 2 e ITALIA 1. Dal 1994 svolge con continuità concerti nelle piazze di Amalfi – la sua città – con programmi che spaziano dalle proprie composizioni, alla musica classica, alla canzone napoletana, ai più famosi “standard” e musica leggera internazionale. Sempre ad Amalfi ha diretto per diverso tempo il coro polifonico del Duomo e ha guidato per un anno un gruppo di musica popolare. Si dedica inoltre all’attività didattica. Nel settembre 2005 ha intrapreso una collaborazione con una scuola di danza della Costiera Amalfitana per la quale sta realizzando l’incisione delle musiche da studio. Dal 2004 si dedica in maniera più attiva alla musica da camera, in particolare al repertorio per canto e pianoforte.


 


Ecco il programma dettagliato:


 


J. Offenbach, dall’opera “Les contes d’Hoffmann”, Barcarole/L. Delibes, dall’opera “Lakmè“, Viens Mallika/C. Gounod, dall’opera “Romeo et Juliette”, Ah, je veux vivre/C. Gounod, dall’opera “Faust”, Air des bijoux/G. Rossigni, Duetto buffo dei due gatti/F. Lehàr, Fantasia da «la Vedova allegra»/V. Herbert, da “The enchantress”, Art is calling to me/L. Ricci, Perché/G. Puccini, dall’opera “Gianni Schicchi”, O mio babbino caro/G. Puccini, dall’opera “Turandot”, Tu che di gel sei cinta/G. Puccini, dall’opera “Bohème”, Valzer di Musetta/Anonimo, Io te voglio bene assale/G. Donizetti, La Conocchia/Tosti – D’Annunzio, A’ vucchella/Costa- Di Giacomo, Era de maggio/Bovio – Valente – Tagliaferro, Passione/De Curtis, Torna a Surriento. 


 


A coloro che hanno voglia di partire consigliamo le navi di crociera che hanno questi formidabili artisti a bordo per serate indimenticabili.


 


Maurizio Vitiello