Sorrento Ripa capocannoniere d´Italia

0

GIANNI SINISCALCHI Sorrento. In serie A comanda Riganò del Messina con sette gol, in B Bellucci del Bologna con sei, in C1 Beretta del Monza con sette nel girone A e nel girone B Evacuo dell’Avellino e Chianese del Ravenna con otto. Ma finora ha fatto meglio in C2 Francesco Ripa, 21 anni, di Battipaglia, debuttante tra i professionisti. Da domenica, con nove gol in nove partite, l’attaccante del Sorrento è diventato il bomber più prolifico dei campionati di calcio in Italia dalla serie A alla C2. «Non credo a questa curiosa classifica – dice Ripa – perché in ogni categoria si gioca un calcio diverso, mi basta il titolo di capocannoniere nel nostro girone di C2». Merita di essere raccontata nei minimi particolari la sua doppietta a Celano. «Non sembrava – ricorda Ripa – la mia giornata migliore. Anzi, alla mezz’ora della ripresa, ho fallito un gol facile mandando fuori di testa una palla comodissima. Ho capito da quel momento di avere alla spalle una squadra meravigliosa, una squadra in cui i compagni credono tantissimo nei miei gol». Cosa è successo a Ripa per dire queste cose? «Pochi minuti dopo – precisa l’attaccante rossonero – ho realizzato le due reti al Celano, una di destro e l’altra di sinistro, perché i compagni mi hanno voluto mettere subito nelle condizioni di rimediare al gol fallito. La prima rete è arrivata con una percussione centrale di Teta che, quando è giunto con il pallone all’ingresso dell’area di rigore, mi ha fatto spazio per inquadrare la porta. La seconda, è stata favorita da una bella giocata di Rastelli e ancora dall’altruismo di Teta. Una volta giunto davanti al portiere, Teta mi ha consentito di appoggiare la palla nella porta vuota invece di concludere personalmente». Ripa si sofferma a ringraziare i compagni. «Tutti stanno contribuendo a farmi vivere questo sogno dal quale spero di svegliarmi soltanto a fine stagione, festeggiando il salto in C1 del Sorrento e il mio titolo di capocannoniere del girone». Più di tutti elogia Teta: «La mia doppietta di Celano è stata favorita dai suoi due assist, e un suo cross mi ha consentito di realizzare il raddoppio contro la Nocerina. Domenica, Teta, che pure ha segnato la prima rete del nostro 3-1, è stato forse il migliore in campo». Eccezionali i numeri di Ripa. Nove gol in nove partite, due doppiette alla Nocerina e al Celano nel giro di quattro giorni. Ha realizzato nove delle quindici reti totali del Sorrento trascinando la squadra di Cioffi al comando del girone. Quattro gol di testa, tre con il destro, due con il sinistro, Ripa ha sciorinato tutto il repertorio dell’attaccante di razza per volare in testa alla classifica dei bomber italiani dalla A alla C2. «È un momento meraviglioso – spiega Ripa – perché inquadro la porta da tutte le posizioni e perché la squadra sta giocando per mandarmi in gol. Anche l’anno scorso, sempre con la maglia del Sorrento, ho vissuto un’annata bellissima: sedici gol in campionato e sette nella coppa Italia di serie D, utili per vincere entrambe le competizioni. Una grossa soddisfazione perché meglio di me fece soltanto Ingenito. Avevo voglia di ripetermi tra i professionisti e, quando ho avuto la certezza di rimanere a Sorrento, ho iniziato la mia prima stagione in C2 con tanta fiducia». da Il Mattino