Ravello e Scala ville abusive sequestrate dalla Navale

0

Ravello. Ancora dei  sequestri  in Costiera Amalfitana, a Ravello. Ancora i teloni per i limoneti, mentre i limoneti veri languono, che nascondono degli abusi. Spuntano addirittura interi villini, in una zona ad alto rischio idrogeologico, la Valle del Dragone, fra la Città della Musica, Ravello, la Città della Castagna, Scala, ed Atrani. Una villa sequestrata dai militari della sezione operativa navale della guardia di finanza di Salerno che hanno effettuato un’operazione antiabusivismo sull’area.


L’operazione si è conclusa con il sequestro di una villetta realizzata in regime di abusivismo edilizio in località Valle del Dragone del comune di Ravello, l’immobile si presentava al momento dell’arrivo dei militari occultato con teloni neri normalmente utilizzati per la copertura a protezione dei limoneti nel tentativo di mimetizzarsi con la vegetazione. Oltre all’immobile è stato sequestrato un lungo viale di accesso alle stesso che ha comportato la cementificazione di circa 100 metri quadrati di limoneto con l’ulteriore pregiudizio per la flora locale. Sottoposta a misure cautelari anche un’area di cantiere di circa 800 metri quadrati unitamente a materiali edili ed attrezzi nonché macchinari utilizzati  per i lavori abusivi.


Nella medesima zona ma del territorio del comune di Scala, a due passi dall’alveo del fiume dragone, è stata sottoposta a sequestro un’altra villetta realizzata abusivamente. Entrambi gli immobili sono stati completati a seguito della violazione dei sigilli da parte dei proprietari ed al tempo stesso custodi giudiziali. Infatti, il primo immobile è risultato essere già sequestrato nel mese di marzo di quest’ anno dalla polizia municipale di Ravello, mentre il secondo era stato già sequestrato dalla guardia di finanza nel giugno del 2005. Denunciate alla competente autorità giudiziaria due persone, che dovranno rispondere di reati di danneggiamento e deturpamento ambientale oltre alle violazioni n materia urbanistica e paesaggistica, nonché violazione dei sigilli.


Michele Cinque

Lascia una risposta