Amalfi sequestro bar Buca di Bacco e 10 denunciati dai Carabinieri

0

Costiera Amalfitana: i Carabinieri denunciano dieci persone per abusivismo edilizio. Sequestrato anche il terrazzo del bar <> a Positano.”

 

Nella giornata di ieri i Carabinieri del Comando Compagnia di Amalfi hanno svolto un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dell’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana.

L’operazione ha interessato, in particolare, i comuni di Positano e Ravello, dove i militari delle locali Stazioni Carabinieri hanno controllato numerosi cantieri, cinque dei quali sono risultati irregolari e quindi sottoposti a sequestro: tre a Positano, uno a Ravello e uno a Scala, per complessivi 350 metri quadri dal valore stimato di un milione e mezzo di euro.

Sono dieci, invece, le persone denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno: proprietari, operai, direttori dei lavori e titolari di imprese edili. Tutti responsabili di aver realizzato manufatti edili in violazione delle norme che disciplinano il settore edilizio, in zone di grande interesse ambientale sottoposte a vincolo paesaggistico. Tre di loro risponderanno anche del reato di violazione di sigilli, per aver commesso ulteriori abusi edilizi in cantieri già sottoposti a sequestro.

Ancora una volta, il comune di Positano è quello maggiormente interessato dal fenomeno del c.d “mattone selvaggio”, poichè le elevatissime quotazioni del mercato immobiliare inducono sempre più i proprietari a violare le vigenti disposizioni in materia edilizia, commissionando lavori abusivi per realizzare ex novo dei manufatti di grandi dimensioni e di notevole valore economico o, nella maggior parte dei casi, per aumentare i volumi di abitazioni già esistenti e arricchirle di qualche ulteriore comodità, quali terrazze e pergolati. Ed infatti, in uno dei cantieri i militari della Stazione di Positano hanno scoperto una villetta ancora in fase di realizzazione, suddivisa in due corpi di fabbrica di 50 mq. ciascuno, comunicanti con scala esterna in cemento armato, nonchè dotata di tre ampi terrazzi con vista mare e relativi pergolati in ferro con copertura in legno per complessivi 120 mq.

Nella stessa giornata, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Salerno, relativo ad un terrazzo di 30 mq. con vetrate laterali e interamente rifinito, di pertinenza del bar “Buca di Bacco” e del ristorante “La Pergola” di Positano.

Il sequestro si inserisce nel contesto di un’attività di indagine delegata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, svolta con l’ausilio di un consulente tecnico nominato dal P.M. Dott.ssa G. Nuzzi, nel corso della quale è emerso che la citata opera edile, già sottoposta a sequestro preventivo il 7 luglio 2005 poichè realizzata in assenza di permesso di costruire e delle prescritte autorizzazioni in zona sottoposta a vincolo paesaggistico e ambientale, con deturpamento delle bellezze naturali, è stata interamente rifinita ed utilizzata per accogliere i clienti dei citati bar e ristorante, violando i sigilli precedentemente apposti.

Salgono, così, a 156 le persone denunciate dall’inizio dell’anno dai Carabinieri nel corso dei controlli per il contrasto dell’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana, che resta uno degli obiettivi primari da perseguire per la tutela di un paesaggio unico al mondo

Fonte: Comunicato Stampa