CALCIOPOLI: CHIUSA L´UDIENZA, SI RIPRENDE DOMANI

0

ROMA – Chiuso il secondo giorno del processo d’appello a calciopoli: si riprende domani alle 15. La Corte federale è tornata in aula per completare il dibattimento del secondo grado di giudizio. Il presidente Piero Sandulli ha confermato che nella giornata di domani si terminerà con la prima fase del processo di secondo grado. Sulle sentenze, invece, ci sarà da aspettare, probabilmente tra martedì e mercoledì.


DIFESA JUVE, RISCHI DEVASTANTI SU PATRIMONIO “Noi abbiamo una devastante conseguenza sul patrimonio, penso ai creditori, agli azionisti. La moltiplicazione delle sanzioni non è corretta”. Così il legale della Juventus, Cesare Zaccone, ha sostenuto la difesa bianconera: l’avvocato ha sottolineato il danno conseguito dalla società qualora venisse riconfermata in secondo grado la retrocessione in B con la forte penalizzazione (30 punti irrogati dalla Caf). Primo fra tutti l’esodo dei campioni: “La serie B potrebbe essere accolta da questi calciatori, ma non per due anni. Così per restare in B il prossimo anno bisognerebbe fare almeno 80 punti”. Quanto alla non assegnazione del titolo del campionato 2005-06, la Juve si ribella: “Questa decisione non ha senso, perché il campionato concluso è stato di assoluta regolarità, e Pairetto e Bergamo erano spariti dal loro ruolo di designatori”.


DELLA VALLE: VALUTIAMO I FATTI Diego Della Valle ha tentato di spiegare la sua tesi e, rivolgendosi al collegio della Corte Federale, ha chiesto di poter valutare tutto con estrema attenzione. “Qui ci sono tutta una serie di anomalie – ha detto il presidente onorario della Fiorentina -, sono stato ben 9 ore a Napoli per ascoltare le intercettazioni telefoniche, anche per capire di cosa si sta parlando, visto che, leggendole fanno un effetto brutto”. “Ebbene – ha puntualizzato -, le ho sentite tutte e non c’é stata nessuna richiesta di favori a nessuno. Senza parlare che vorrei tanto sentire l’intercettazione con Bergamo, la mamma di tutte le intercettazioni, per far capire di cosa si sta parlando”. Il numero uno della Fiorentina va sullo specifico: “Mi sono ritrovato delle fotografie sul famoso incontro con Bergamo, dove i carabinieri dicono che siamo in un albergo nei pressi di Firenze e da quelle immagini sembra si stia sull’Aspromonte. Quello è il più bell’albergo di Firenze e se si allarga l’immagine si vedrà che ci sono tante e tante altre persone, non solo noi. Insomma non era una riunione carbonara”.


DIFESA LAZIO, ORA TAR E’ PIU’ LONTANO “Di sicuro il Tar è molto più lontano di quello che si possa pensare”. Lo sottolinea al termine della riunione della corte federale l’avvocato della Lazio e di Claudio Lotito, Gianmichele Gentile. Il legale biancoceleste ha fatto il punto della situazione: “Siamo fiduciosi perché abbiamo notato da parte del collegio concentrazione, ma soprattutto attenzione. Senza dubbio per quel che riguarda le sentenze non sarà un’ammucchiata come l’ultima volta”. Corte federale è tornata in aula per completare il dibattimento del secondo grado di giudizio. Il presidente Piero Sandulli ha confermato che nella giornata di domani si terminerà con la prima fase del processo di secondo grado. Sulle sentenze, invece, ci sarà da aspettare, probabilmente tra martedì e mercoledì.  


 


www.ansa.it


                                                                                                       Michele De Lucia