INAIL e lavoratori

0

PROVINCIA DI LECCE


SPORTELLO DEI DIRITTI


 


      


Non c’è dolore più grande della perdita della terra natia..” EURIPIDE


 


COMUNICATO STAMPA


 


Lo Sportello dei Diritti in difesa dei lavoratori infortunati sul lavoro: serve maggiore tutela da parte dell’INAIL con una nuova legge.


 


Lo “Sportello dei Diritti“della Provincia di Lecce, ha ricevuto numerose denunce da parte di  lavoratori infortunati sul luogo di lavoro – e tra questi anche casi gravi – a cui sono state erogate da parte dell’INAIL cifre irrisorie per il risarcimento di danni di notevole entità tenuto conto delle condizioni soggettive del singolo lavoratore.


Il caso emblematico è quello di un operaio edile, G. S., che a seguito dello scoppio di una pompa di cemento riportava un trauma cranico così grave da comportare l’asportazione di parte della volta cranica, con previsione di riposizione della teca ossea dopo sei mesi.


Malgrado tale situazione caratterizzata oltre che da estrema sofferenza soggettiva propria delle conseguenze del trauma cranico anche dalla esposizione del tessuto celebrale ad ulteriori lesioni per assenza della protezione ossea, un sanitario dell’INAIL stabilì che dopo soli 4 mesi l’infermità era cessata e l’infortunato poteva riprendere il duro e rischioso lavoro di operaio edile, nonostante il cervello fosse coperto in parte dal solo cuoio capelluto.


 I medici demandati all’analisi del danno subito e che quindi hanno un compito fondamentale nella determinazione della prestazione economica risarcitoria nonché dei tempi necessari per la guarigione pagati dall’assicurazione obbligatoria – in virtù delle leggi in vigore – sono ancora oggi ancorati a stime tabellari troppo oggettivistiche che non permettono una valutazione del danno attenta alle caratteristiche individuali del singolo lavoratore o ispirate anche a criteri di umanità ed equità.


Pertanto, lo “Sportello dei Diritti” informa la cittadinanza che si attiverà presso tutte le sedi competenti affinché questa situazione d’ingiustizia sociale possa terminare una volta per tutte facendosi promotore di una nuova legge che possa rendere effettiva la funzione sociale dell’istituto in questione che è quella di tutelare totalmente il lavoratore che abbia subito delle lesioni fisiche sul luogo di lavoro e che quindi abbia diritto ad un congruo periodo di guarigione garantito dall’ente nonchè un equo e satisfattivo indennizzo.   


 


Lecce,  1 luglio 2006                                               


                                                                          


 


     L’Assessore al “Mediterraneo”


 con delega allo “Sportello dei Diritti”


                Carlo   Madaro 


 


 


 


 


www.provincia.le.it    SPORTELLO DEI DIRITTI SERVIZI IMMIGRAZIONE SALENTO  


           viale Marche n° 17 73100  LECCE     tel.e fax 0832/342703 – e mail: c.madaro@libero.it