INDULTO: IDV ANNUNCIA BATTAGLIA, 300-400 EMENDAMENTI AL SENATO

0

ROMA – Sull’indulto sarà battaglia anche al Senato. L’Italia dei Valori è pronta a “presentare tra i 300 e i 400 emendamenti”. E’ quanto afferma il senatore dell’Idv Fabio Giambrone, che aggiunge che domani in Aula i senatori” del partito di Di Pietro “interverranno tutti”.

DI PIETRO: VOTO SABATO NOTTE COME LA BANDA BASSOTTI…
La battaglia anti-indulto condotta alla Camera da Antonio Di Pietro si sposta a Palazzo Madama: “Al Senato già da oggi pomeriggio, quando cominceranno i lavori in commissione, riproporremo tutti i nostri emendamenti e domani ricominceremo davanti al Senato ciò che abbiamo fatto alla Camera, cioé allestiremo un punto di informazione per i cittadini”, annuncia il ministro intervistato da Affaritaliani.it.

“Attraverso il nostro sito internet, www.antoniodipietro.it – aggiunge – faremo un collegamento con il sito del Parlamento, dove si potrà vedere man mano come votano i parlamentari e chi vota in un modo o nell’altro. Cercheremo, insomma, di tenere sveglia l’attenzione dell’opinione pubblica, facendo soprattutto sapere loro che il voto al Senato è fissato per la notte di sabato, vale a dire l’ultimo sabato di luglio, in piena notte. Come la Banda Bassotti, quatti quatti, stanno cercando di portare a casa un provvedimento approfittando della calura estiva, delle ferie e dell’ora notturna”.

Ci potranno essere ripercussioni sulla maggioranza? “Il provvedimento dell’indulto richiede i 2/3 del Parlamento. La maggioranza quindi coinvolge metà sinistra e metà destra, su quale maggioranza dovrebbero esserci ripercussioni? E’ proprio il Parlamento nella sua maggioranza trasversale che ha ritenuto di approvare un provvedimento di clemenza, giusto sotto tanti aspetti, ma che consente di estendere anche l’impunità. La realtà è una sola: per cinque anni la Casa delle Libertà, e Forza Italia in particolare, ha cercato di assicurare l’impunità a tanti personaggi amici suoi e questa volta l’Unione, pur di arrivare all’indulto, ha svenduto la propria dignità politica accettando il ricatto della CdL. La colpa di tutto ciò – conclude Di Pietro – non è dell’Italia dei Valori che denuncia il fatto, ma del ricattatore e del ricattato proprio perché questi compiono atti che non ci convincono”.

SUL SITO DI AZIONE SOCIALE L’ELENCO DI CHI HA VOTATO SI’
Come preannunciato, il sito di Azione Sociale (www.azionesociale.net), il partito di Alessandra Mussolini, ha ‘pubblicato’ oggi l’elenco dei deputati che ieri alla Camera hanno votato a favore del provvedimento di indulto (compresi gli astenuti): ecco “chi ringraziare per i 12.756 detenuti in libertà!”, è scritto nel sito che diffonde i nomi dei parlamentari.

www.ansa.it
Michele De Lucia