Costiera Amalfitana denunciate venti persone per abusivismo

0

“Costiera Amalfitana: i Carabinieri denunciano venti persone per abusivismo edilizio. Sequestrati anche due pontili per l’approdo di imbarcazioni.”


 


Nella giornata di ieri i Carabinieri del Comando Compagnia di Amalfi hanno svolto un altro servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dell’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana.


L’operazione ha interessato tutta la zona da Amalfi a Positano ed è stata svolta anche via mare con l’ausilio dei mezzi navali.


Numerosi i cantieri controllati dai militari della Stazione Carabinieri di Positano, sei dei quali sono risultati irregolari e quindi sottoposti a sequestro: quattro a Positano e due a Praiano, per complessivi 500 metri quadri dal valore stimato di un milione e mezzo di euro.


Sono diciotto, invece, le persone denunciate in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno: proprietari, operai, direttori dei lavori e titolari di imprese edili. Tutti responsabili di aver realizzato manufatti edili in violazione delle norme che disciplinano il settore edilizio, in zone di grande interesse ambientale sottoposte a vincolo paesaggistico. Due di loro risponderanno anche del reato di violazione di sigilli, per aver commesso ulteriori abusi edilizi in cantieri già sottoposti a sequestro dai Carabinieri nel corso del 2005.


Ancora una volta i comuni di Positano e Praiano sono interessati dal fenomeno del c.d “mattone selvaggio”, poichè le elevatissime quotazioni del mercato immobiliare inducono sempre più i proprietari a violare le vigenti disposizioni in materia edilizia, commissionando lavori abusivi per realizzare ex novo dei manufatti di grandi dimensioni e di notevole valore economico o, nella maggior parte dei casi, per aumentare i volumi di abitazioni già esistenti e arricchirle di qualche ulteriore comodità, quali piscine, terrazze e pergolati. Ed infatti, in uno dei cantieri a Praiano i Carabinieri hanno scoperto una grande villa privata, ancora in corso di realizzazione, con ampie terrazze e scale esterne in muratura, nonchè uno scavo già ultimato per la creazione di un’ampia piscina esterna, per complessivi 180 metri quadri. Mentre a Positano i militari hanno messo i sigilli ad un’abitazione di 90 metri quadri, completamente rifinita.


Nel corso dei controlli via mare, invece, i militari della Motovedetta hanno sequestrato due pontili in ferro per l’approdo di imbarcazioni in località “Spiaggia Santa Croce” ad Amalfi. Si tratta di opere realizzate in area demaniale con strutture metalliche infisse negli scogli, in totale difformità dalle concessioni edilizie e con grave deturpamento delle bellezze naturali. Denunciati i proprietari: sono due titolari di concessione in area demaniale che gestiscono altrettanti bar/ristoranti sulla “Spiaggia Santa Croce”.


Salgono, così, a 105 le persone denunciate dall’inizio dell’anno. Ma i controlli proseguiranno nei prossimi giorni, poichè l’impegno dell’Arma nella lotta all’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana resta uno degli obiettivi primari da perseguire per la tutela di un paesaggio unico al mondo.