Amalfi il pronto soccorso di Castiglione a rishcio

0

Amalfi. Dal 13 marzo il plesso ospedaliero di Castiglione, l’unico della Costiera Amalfitana, sarà senza day hospital e servizio prelievo.  Gli infermieri non possono più prestare servizio, non ci sono soldi per gli straordinari. Con un provvedimento del primario di anestesia di Cava dei Tirreni, Giuseppe Vario,  viene sospesa l’attività dei prelievi e che non si può usufruire dei servizi ambulatoriali e del day hospital.Ma tutti i sindaci della Costiera Amalfitana, da Positano a Ravello,  si sono riuniti ieri mattina per protestare. “E’ un provvedimento che stigmatizziamo fortemente – dicono in una nota inviata al manager dell’Asl Sa1 Giovanni Russo  -, vengono fatte delle scelte che riguardano tutta la collettività senza neanche consultarci. Non si può dimezzare l’unica struttura ospedaliera della Costiera Amalfitana e impedire di far funzionare l’unico day hospital esistente nell’arco di cinquanta chilometri.”  Dunque, a meno di un ripensamento,  in Costiera dal 18 marzo non si possono fare le analisi ne ricoverarsi in day hospital (e quindi non saranno possibili neanche le operazioni di ortopedia, oculistica ed altre). Non è la prima volta che il pronto soccorso attivo di Castiglione, inaugurato in pompa magna proprio dal Governatore Bassolino che spinse affinché la Costiera Amalfitana avesse finalmente, dopo trenta anni di attesa, rischia di essere dimezzato. “Non ci si rende conto delle difficoltà logistiche che hanno i cittadini della Costiera a raggiungere i centri cittadini – dice il sindaco di Amalfi Antonio De Luca -, la Costiera Amalfitana ha bisogno di un presidio sul territorio che va potenziato e non reso monco ed in ogni caso essendo l’unica struttura presente sul territorio chiediamo che ogni decisione di rilievo venga almeno comunicata al comitato dei sindaci.”


Michele Cinque


 


 

Lascia una risposta