Comunali Amalfi

0

AMALFI = Tre liste, tutte di ispirazione civica, e altrettanti candidati a sindaco. E’ questo lo scenario politico che si sta definendo ad Amalfi, in vista delle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale. Il tourbillon di voci e di indiscrezioni è già cominciato da tempo ma, solo nei prossimi giorni, si delineeranno le candidature e scenderanno direttamente in campo i papabili alla poltrona di primo cittadino. A partire dalla decisione del sindaco uscente, Antonio De Luca, se ricandidarsi o meno. De Luca, infatti, non ha ancora sciolto la riserva anche se, a quanto pare, da più parti, e soprattutto dagli amici che hanno condiviso con lui l’esperienza amministrativa, sarebbero giunti inviti a richiedere la fiducia agli amalfitani. E, nel caso in cui dovesse propendere per un si, De luca capeggerebbe la compagine che, negli ultimi dieci anni, è stata al timone dell’antica Repubblica amalfitana. Formazione che verrebbe confermata quasi in toto, lasciando spazio, però, a new entry. Nel frattempo Forza Italia, Alleanza nazionale e il circolo della Margherita avrebbero raggiunto un accordo per presentare ai nastri di partenza una lista unitaria. E, il leader dell’aggregazione politica che, però, strizza anche l’occhio a movimenti cittadini, sarebbe il capogruppo di An al consiglio Provinciale, Andrea Lauro. Che, nelle ultime riunioni, avrebbe ottenuto l’ok pure di Andrea Amendola, referente della Margherita che siede tra i banchi della minoranza assieme a Lauro, per la formazione di una coalizione civica nella quale confluirebbero, oltre agli esponenti del centro destra, anche parte del centro sinistra che non si riconosce con l’attuale amministrazione. Come terzo incomodo potrebbe profilarsi all’orizzonte la discesa in campo di Andrea Cretella, attuale consigliere di opposizione  e rappresentate di punta dello Sdi in Costiera amalfitana. Cretella, infatti, a detta dei bene informati, starebbe tentando di mettere assieme una formazione in grado di competere alla pari con le altre due che, oramai, a meno di clamorose sorprese dell’ultima ora, sembrano in pole position nella griglia di partenza.


 


Gaetano de Stefano