Comunicato Città del Vaticano

0

CITTA’ DEL VATICANO, 3 FEB. 2006 (VIS)


La Penitenzieria Apostolica ha pubblicato questa mattina un Decreto che annuncia la concessione ai fedeli di speciali indulgenze nella ricorrenza della “XIV Giornata Mondiale del Malato”, l’11 febbraio prossimo, memoria liturgica della Beata Maria Vergine di Lourdes. Quest’anno la Giornata avrà il suo culmine con la Celebrazione Eucaristica nella Cattedrale di San Francesco Saverio ad Adelaide (Australia).


 



  Nell’udienza concessa, il 2 gennaio scorso, al Cardinale James Francis Stafford, Penitenziere Maggiore, il Santo Padre Benedetto XVI ha disposto la concessione di speciali indulgenze agli ammalati “spinto da vivo desiderio che dalle infermità e dolori degli uomini, sopportati con rassegnazione e offerti all’Eterno Padre  provengano abbondanti frutti spirituali, e soprattutto sostenuto dalla speranza che siano promosse opere ed iniziative di cristiana pietà e di sociale solidarietà in favore degli infermi, in modo particolare verso quelli che, essendo affetti da qualche menomazione mentale, più facilmente sono emarginati dalla società e dalla propria famiglia”.


  “I fedeli che negli ospedali pubblici o in qualsivoglia casa privata assistono caritatevolmente come ‘buoni Samaritani’ gli ammalati, specialmente quelli che a causa di qualche menomazione mentale richiedono maggiore pazienza, diligenza e attenzione, otterranno il medesimo dono dell’Indulgenza plenaria, se in quel giorno presteranno generosamente almeno per qualche ora la loro caritatevole assistenza agli ammalati come se lo facessero allo stesso Cristo Signore, avendo l’animo distaccato da ogni peccato e il proposito di adempiere, quando potranno, alle condizioni richieste per l’ottenimento dell’Indulgenza plenaria”


  “L’Indulgenza parziale” – si legge al termine del Decreto – “a tutti i fedeli, dal 9 all’11 del prossimo febbraio, ogniqualvolta, con cuore contrito, rivolgeranno a Dio misericordioso devote preghiere per implorare le suddette finalità in aiuto degli infermi”.

Lascia una risposta