Capre e cani invadono il sentiero degli dei

0

Un gregge di capre accompagnato da diversi cani minacciosi, in più occasioni, invadono la frazione Nocelle in particolare la località “Gesina” devastando tutto quanto coltivato.


Le proprietà sono recintate, ma in molte circostanze si è dovuto risistemare  le recinzioni in quanto abbattute appunto dall’invasioni di questi. Ogni volta è difficilissimo scacciare le bestie in quanto i terribili cani aggrediscono chiunque si avvicini.


Già in passato è stato segnalato al Corpo Forestale di Tramonti di quanto ripetutamente avviene in questa zona, ma senza alcun esito.


Esistono dei pastori che fanno pascolare i loro greggi nella vastissima area boschiva a monte di Nocelle, ma non hanno un nome poiché sono rappresentati dai feroci cani che accompagnano le capre, ed è impossibile verificarne l’appartenenza anche se gli ovini sono o dovrebbero essere marchiati. Il Corpo Forestale di Tramonti conosce i nomi dei mandriani che si muovono  in questa fascia montana (Paipo, Agerola) sono vari, alcuni sono popolari, ognuno però nega l’appartenenza delle bestie.


Gli abitanti della frazione sono preoccupati e si spaventano ogni volta che sentono i sonagli delle capre e l’abbaiare dei cani che li conducono.


Nel fine settimana (venerdì 9– domenica 11 dicembre 05) le suddette capre hanno sterminato oltre 200 (duecento) vitigni di oltre 2 anni per un danno stimato in migliaia di €uro. Inoltre, è noto l’aggressione di questi cani  a gitanti sul “Sentiero degli Dei” con tanto di denunce e di interventi. Da informazioni sommarie, pare che nel Comune di Positano, non esistono aree destinate al pascolo.


 


E’ il caso che le associazioni ambientaliste su territorio siano informate e, insieme alle  autorità competenti prendano i dovuti provvedimenti senza aspettare che accada l’irreparabile